Lunedì, 27 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Raffineria di Milazzo sotto diffida. Doppi fondi in quattro serbatoi
AMBIENTALISTI

Raffineria di Milazzo sotto diffida. Doppi fondi in quattro serbatoi

Il ministero dell’Ambiente ha stabilito che devono essere realizzati ogni anno
raffineria milazzo, Messina, Cronaca
La raffineria di Milazzo

Il gruppo istruttore del ministero dell’Ambiente ha deciso di prescrivere alla Raffineria di Milazzo l’installazione dei doppi fondi solo su 4 serbatoi ogni anno. Inizialmente dovevano essere 8. In più, i controlli acustici saranno effettuati ogni 5 anni. A comunicarlo, con una nota, le associazioni e i comitati ambientalisti della Valle del Mela evidenziando che «è stata anche ammorbidita la prescrizione in merito all’impermeabilizzazione dei bacini di contenimento attorno ai serbatoi». E ancora: «A seguito dello sversamento in mare di gasolio contenuto all’interno di un serbatoio nel marzo del 2018 – scrivono gli ambientalisti – l’Ispra ha accertato la violazione di alcune prescrizioni da parte dell’industria e il Ministero ha diffidato la Raffineria, ed è stato avviato, nel febbraio del 2019, il procedimento di riesame dell’Autorizzazione integrata ambientale. Durante l’iter – sostiene il comitato degli ambientalisti – la Raffineria ha dichiarato di poter installare i doppi fondi in tutti i serbatoi entro il 2026, precisamente 8-9 serbatoi ogni anno, e di effettuare i necessari controlli annualmente. Nel testo della diffida, inviata alla Raffineria di Milazzo, si legge chiaramente «di valutare e proporre eventuali ulteriori misure tecniche e gestionali rispetto a quelle già proposte, consistenti nella realizzazione dei doppi fondi in tempi più brevi di quelli previsti dal decreto di riesame dell’Aia e l’intensificazione del controllo con emissioni acustiche del fondo dei serbatoi a fondo singolo». Ora questo fatto nuovo che ha fatto scattare la protesta. Ma sul riesame sono preoccupati anche i sindacati, che lamentano «la riapertura delle procedure dopo soli due anni dal rilascio di una autorizzazione che avrebbe dovuto avere 12 anni di validità».

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook