Domenica, 19 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Le Eolie si preparano al pienone, Panarea e Vulcano in rampa
ESTATE 2021

Le Eolie si preparano al pienone, Panarea e Vulcano in rampa

di
A Vulcano la pozza dei fanghi resta chiusa, la movida di Panarea pronta ad accendersi. Nella città del Capo il fascino del Castello e dell’Area marina protetta

Quest’anno il marchio “Covid free” vale più della “bandiera blu”. Alle Eolie ne sono certi e ci si prepara alla nuova stagione con grande entusiasmo consapevoli che, come avvenuto la scorsa estate, anche luglio ed agosto faranno registrare “numeri importanti” per tutti gli operatori del turismo che, nell’arcipelago alla fine equivalgono a tutti gli isolani in quanto ciascuno ha un ruolo, rappresenta una sorta di indotto nel comparto. Non solo l’albergatore e il ristoratore, ma anche il manutentore, il cameriere e l’addetto alle barche sono legati a doppio filo. Se c’è turismo, le risorse sono per tutti.

In questi giorni di vaccinazione collettiva, nelle sette isole si respira l’aria delle vacanze. E non solo per le condizioni meteo. A Vulcano, dove persisterà il divieto di accesso alla pozza dei fanghi, si punta soprattutto sulla balneazione dei due mari (acque calde e Baia negra) e sul fascino dell’escursione sul cratere. «Iniziamo a ricevere alcune prenotazioni, anche se la media della permanenza riteniamo possa diminuire – affermano alcuni albergatori – ma speriamo in presenze continue. Del resto, per noi i tre mesi estivi (luglio, agosto e settembre) sono stati sempre il riferimento, anche se una volta la stagione si allungava anche a giugno e ottobre. Ma se non arriveranno gli stranieri sarà difficile».

Anche a Panarea la locale Pro loco sta cercando di coordinare gli operatori per assicurare tutti quei servizi che oggi più che mai il turista si attende. I campi boe e i locali di tendenza sono pronti a ripartire anche se si attendono le regole per sapere come gestire la movida che nella piccola isola dalle case bianche è il principale richiamo dei vip. La spiaggetta "Zimmari" come sempre richiamerà tantissima gente, sia dalla terra ferma che dal mare. E poi la "chicca" della "Plastic free", come isola pilota assieme a Lipari, al centro del progetto "The Oceanic Standard" promosso da Marevivo e Oceanic Global e realizzato con il finanziamento di Aeolian Islands Preservation Foundation e il patrocinio del Comune di Lipari, che già dal 1° gennaio 2020 aveva deciso di vietare il commercio e l’utilizzo di plastica monouso su tutte le isole che rientrano nella sua amministrazione.

Intanto, in una nota indirizzata ai quattro sindaci eoliani, AssoImpreseEolie, Associazione balneari Isole Eolie, Comitato lavoratori stagionali Eolie Milazzo Basso Tirreno, auspicano si possa istituire «un tavolo tecnico per concordare, unitamente alle associazioni del territorio, tutte le strategie da attuare per affrontare la stagione turistica già ampiamente compromessa e per poter pianificare, in prospettiva, le iniziative più opportune a sostegno delle imprese». Per quanto riguarda i trasporti, il ripristino della linea diretta (prima tappa su Stromboli) Liberty Lines da Messina dovrebbe favorire sicuramente  i flussi collegati al capoluogo, mentre per i più esigenti “Air Panarea” così come ha fatto lo scorso anno dovrebbe potenziare  la flotta con quattro mezzi a disposizione per spostamenti tra le Eolie e trasferimenti con Roma, Napoli, Lamezia e Catania. A Milazzo, invece, l’Usca punta a creare una sorta di hub proprio in prossimità degli imbarcaderi per controllare le persone che vorranno trascorrere le loro vacanze in piena sicurezza.

Ma anche la città del Capo si prepara ad accogliere i vacanzieri. L’ennesima conferma della balneabilità delle acque certificata da Asp e Regione rappresenta sicuramente un punto di forza, ma dovrà essere supportata da un adeguato e costante servizio di pulizia delle spiagge. La tradizionale offerta della ristorazione sarà potenziata con la possibilità concessa agli operatori di estendere l’attività aperto su una maggiore percentuale di suolo pubblico, mentre si lavora anche per alcuni eventi di richiamo che dovrebbero svolgersi tra luglio e agosto in diverse location cittadine e principalmente al Castello. Il “Mish mash” e il Festival del cinema  rappresenteranno sicuramente due momenti di grande attrazione come avvenuto negli anni passati, così come è quasi certo l’inserimento di Milazzo nella programmazione della rassegna “Teatri di pietra” che ha un calendario di prestigio. L’altro punto di forza è dato dall’Area marina protetta che ha regolamentato gli attracchi nelle zone consentite e definirà anche le regole per la fruizione degli angoli più belli del promontorio, a cominciare dalla straordinaria piscina di Venere. Se si riuscirà anche a rendere fruibile i sentieri naturalistici, anche per gli amanti della natura non mancheranno le opportunità.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook