Giovedì, 06 Maggio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, Summa per farsi eleggere offrì 10mila euro a Sparacio
L'OPERAZIONE

Messina, Summa per farsi eleggere offrì 10mila euro a Sparacio

di
Il candidato al consiglio comunale Lino e suo padre Nino, ex consigliere provinciale, ai domiciliari per voto di scambio
messina, operazione provinciale, Natalino Summa, Nino Summa, Messina, Cronaca
Nino e Natalino Summa, padre e figlio, sono agli arresti domiciliari

Il boss Salvatore Sparacio alle elezioni comunali del 10 giugno 2018 avrebbe ricevuto 10mila euro da un politico locale, Natalino “Lino” Summa, sottoposto agli arresti domiciliari per voto di scambio insieme al padre, l’ex consigliere provinciale Nino Summa. Il capomafia, in cambio dei soldi, avrebbe dovuto procurare voti a Summa che aspirava a diventare consigliere comunale. Il padre del politico ha preso parte agli incontri col boss. L’accordo illecito raggiunto ha portato a Summa 350 voti che però non sono stati sufficienti a farlo eleggere, ma solo perché la sua lista non ottenne il quorum. In totale Summa fu il più votato della sua lista con 868 voti. Ieri, nella sua abitazione, durante una perquisizione sono stati trovati 30mila euro in contanti e altri 10mila sono stati trovati in ufficio. In casa di Sparacio, invece, sono stati trovati 15mila euro.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook