Domenica, 18 Aprile 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia sui Nebrodi, i pentiti-chiave rivelano: "Alle truffe agricole partecipavano tutti"
LE DEPOSIZIONI

Mafia sui Nebrodi, i pentiti-chiave rivelano: "Alle truffe agricole partecipavano tutti"

di
All’aula bunker di Messina le deposizioni dei pentiti Barbagiovanni e Costanzo Zammataro al maxiprocesso Nebrod
Messina, Cronaca

C’erano dentro tutti nel mondo mafioso delle truffe agricole e sul bestiame all’Unione Europea, per drenare fiumi di denaro pulito nelle tasche del clan tortoriciani. Zii, genitori, nipoti, cugini e cognati, molto spesso come semplici prestanome dei mafiosi di rango. È stata un’altra lunga giornata ieri all’aula bunker di Gazzi per il maxiprocesso Nebrodi, che ha visto le deposizioni degli altri pentiti-chiave dell’operazione antimafia del gennaio 2020, ovvero Carmelo Barbagiovanni “muzzuni” e Salvatore Costanzo Zammataro “patatara”. Questo dopo che il 23 marzo scorso l’intera udienza era stata dedicata al racconto di Giuseppe Marino Gammazza.

E soprattutto Barbagiovanni, elemento di spicco del clan dei Batanesi, ha confermato quanto dichiarato nei verbali ricostruendo nei dettagli il sistema delle truffe all’Unione Europea che per anni, anzi per decenni, ha consentito alla mafia nebroidea e siciliana di incamerare milioni di euro senza alcuna fatica, direttamente sui conti bancari. Senza muovere in dito.

Leggi l'articolo completo sull'edizione cartacea di Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook