Mercoledì, 03 Marzo 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, condanne definitive. In carcere il commerciante Franco Molonia
CUMULO PENE

Messina, condanne definitive. In carcere il commerciante Franco Molonia

Tra gli storici organizzatori della "Vara”

Danneggiamento, violenza privata, violazione di sigilli e abusivismo edilizio in spregio delle norme paesaggistiche. Una sfilza di reati che costano adesso al commerciante messinese Franco Molonia, 76 anni, tra gli storici organizzatori della "Vara”, la reclusione in carcere. I carabinieri della Stazione Messina Principale lo hanno arrestato e accompagnato nel penitenziario di Gazzi, in quanto deve espiare una pena complessiva di 4 anni e 6 mesi, relativa e un cumulo di condanne divenute “finali”.

Quella più nota all’opinione pubblica riguarda le minacce ai ragazzi di Addiopizzo durante il volantinaggio del 2012, il giorno prima del Ferragosto. Era stata la Cassazione, lo scorso aprile, ad apporre l’ultimo sigillo giudiziario, dichiarando inammissibile il ricorso presentato dal suo legale, l’avvocato Giovanbattista Freni. Resa quindi definitiva la condanna a un anno di reclusione per violenza privata e danneggiamento, decisa dalla Corte d’appello nell’ottobre 2017.

Altri arresti dei Carabinieri

Poi, i militari della Stazione di Giostra hanno arrestato il 25enne Ernesto Paone, condannato per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti: dovrà espiare 2 anni e 8 mesi di reclusione ai domiciliari. Inoltre, nel corso dei controlli straordinari predisposti nei quartieri periferici del capoluogo, gli uomini della Stazione di Camaro hanno arrestato, in flagranza di reato, V.M., 27enne messinese, per possesso di droga ai fini di spaccio. Durante un posto di blocco a Camaro, i militari hanno fermato la sua auto. Insospettiti dall’atteggiamento nervoso del conducente, hanno effettuato una perquisizione personale e veicolare che ha consentito di rinvenire addosso al 27enne cinque dosi di cocaina: in tutto 1,5 grammi. A casa del 27enne, inoltre, sequestrati 925 euro, ritenuti frutto dell’attività di spaccio.
In altre circostanze, altresì segnalati alla Prefettura, quali assuntori di sostanze stupefacenti, 3 giovani trovati in possesso di modici quantitativi di marijuana, detenuti per uso personale. Poi, i carabinieri hanno accertato violazioni alla normativa prevista per il contenimento della diffusione del virus Covid-19, con conseguenti sanzioni amministrative nei confronti di 20 persone.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook