Giovedì, 26 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Attrezzature mediche non utilizzate, inchiesta sull'ospedale di Barcellona
IL CASO

Attrezzature mediche non utilizzate, inchiesta sull'ospedale di Barcellona

di

Le immagini diffuse in prima serata dal Tg1 - che mostrano respiratori, monitor e altre attrezzature mediche destinate al Covid hospital di Barcellona accatastate e non utilizzate e persino il reparto di terapia sub-intensiva, predisposto e ancora incompleto ed inutilizzabile - hanno indotto la Procura di Barcellona, diretta dal procuratore Emanuele Crescenti, ad aprire un fascicolo. Le indagini sono state delegate agli investigatori della Polizia di Stato del locale commissariato, che già per oggi hanno convocato le prime persone informate sui fatti per essere assunte a sommarie informazioni.

Come precisato nel corso della serata di ieri dallo stesso procuratore Crescenti, si tratta di una inchiesta nella quale, per sua natura, ancora non ci sono indagati, in quanto si tratta di iscritti a modello 45 non costituenti - allo stato - notizia di reato. Si tratta, in sostanza, di una fase di verifica, in cui nulla ancora è stato accertato come ipotesi di reato. A determinare l'apertura dell'inchiesta preliminare non sono state denunce od esposti con fatti circostanziati, ma il semplice - come definito dalla stesso Procuratore - “battage mediatico”.

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Messina. 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook