Domenica, 17 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, droga a Villaggio Aldisio e Fondo Fucile: a capo donna col figlio 12enne pusher
OPERAZIONE CESARE

Messina, droga a Villaggio Aldisio e Fondo Fucile: a capo donna col figlio 12enne pusher

Lei guidava lo spaccio e usava il figlio di dodici anni come pusher. È uno dei retroscena dell'operazione Cesare che questa notte ha portato a 33 misure cautelari a Messina contro il clan Galli.

Tra gli arrestati nel blitz contro il clan messinese ci sono i componenti di due gruppi criminali che gestivano il traffico di droga a Messina. Uno, a composizione familiare, operava nei rioni Villaggio Aldisio e Fondo Fucile, nella zona sud della città.

Al vertice c'era una donna che usava il figlio di 12 anni per le consegne delle dosi sperando di evitare così i controlli delle forze dell'ordine. Il minore è stato affidato dal Tribunale dei minori a una comunità familiare, la madre è finita in carcere.

L'altro gruppo criminale capeggiato da Carlo Altavilla operava sia nel rione messinese di Giostra che a Santa Lucia Sopra Contess", rifornendosi di grossi quantitativi di cocaina e marijuana in Calabria e Campania, per poi distribuirli al dettaglio attraverso una rete di pusher.

Lo smistamento della droga avveniva anche all'interno di un negozio di barbiere gestito da due complici. Le indagini hanno fatto emergere anche episodi di estorsione per il recupero di crediti delle narco-transazioni.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook