Martedì, 28 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Allevamento degli orrori a Messina, affidati in custodia 44 suini
MALTRATTAMENTI

Allevamento degli orrori a Messina, affidati in custodia 44 suini

La polizia specialistica di Messina ha provveduto allo spostamento e l'affidamento in custodia dei 44 suini rinvenuti lo scorso 2 luglio alla foce del torrente San Filippo in condizioni di maltrattamento.

Gli animali erano ricoverati, all'interno ed all'esterno, di un' improvvisata stalla realizzata con materiali di recupero: legname, lamiere e amianto. Gli animali, ammassati tra di loro ed esposti alle altissime temperature estive senza acqua né idoneo cibo, venivano infatti nutriti con i sacchetti di rifiuti urbani contenenti resti di cibo e plastica in grande quantità.

Pervenute le analisi di laboratorio dei prelievi effettuati in precedenza ai suini rimasti alla foce del San Filippo e a quelli rinvenuti a Pistunina dove erano stati abusivamente spostati nelle scorse settimane, che confermavano l'assenza di infezioni in corso o di malattie tipiche dei suini, nella giornata del 6 novembre sono stati, previa identificazione di tutti i capi con applicazione di apposite marche auricolari, trasferiti presso una nota azienda agricola della provincia, ove hanno finalmente trovato ospitalità in una struttura idonea in attesa che le associazioni animaliste indichino i luoghi di adozione definitiva in tutta Italia che li mantengano in vita senza avviarli al macello.

Grande soddisfazione per il personale della Polizia Locale per l'ottimo risultato ottenuto grazie alla collaborazione con le organizzazioni animaliste, il dipartimento veterinario dell'ASP di Messina e l'azienda agricola e zootecnica che li ha trasportati, ospitati e che se ne prenderà cura d'ora in avanti fino alla nuova e definitiva destinazione adottiva.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook