Domenica, 25 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca A Caronia proseguono le ricerche di Gioele, ipotesi aggressione da parte di cani
LE INDAGINI

A Caronia proseguono le ricerche di Gioele, ipotesi aggressione da parte di cani

Proseguono senza sosta per il tredicesimo giorno consecutivo le ricerche del piccolo Gioele, 4 anni, scomparso lo scorso 3 agosto con la madre Viviana Parisi, la dj poi trovata morta cinque giorni dopo nelle campagne di Caronia.

Anche oggi circa 70 persone tra vigili del fuoco, protezione civile, forestali, polizia, finanza, carabinieri del reparto cacciatori di Sicilia con droni e cani stanno perlustrando le campagne di Caronia e le zone limitrofe.

Intanto l'inchiesta condotta dalla Procura di Patti tra le varie piste ne sta analizzando una già vagliata dagli inquirenti e segnalata anche dalla famiglia di Gioele, cioè quella di una possibile aggressione a madre e figlio da parte di animali selvatici o cani feroci. Un'ipotesi che sarebbe avvalorata dalla presenza sulle gambe della donna di alcuni morsi.

Le bugie, le incongruenze, i "minuti mancanti": i punti oscuri del giallo di Viviana e Gioele

Ieri è stato interrogato dagli inquirenti anche il proprietario dei due rottweiler. Le scarpe di Viviana, inoltre, non sarebbero sporche di terra, come se non avesse camminato a lungo e fosse stata aggredita improvvisamente da qualcuno.

Secondo gli inquirenti, tuttavia, solo gli esami approfonditi dell'autopsia potranno chiarire se i morsi sul corpo della donna possano essere compatibili con una aggressione da parte di animali selvatici o di cani.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook