Martedì, 04 Agosto 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Corruzione e sentenze pilotate a Siracusa, la procura di Messina chiede 5 condanne
L'INCHIESTA

Corruzione e sentenze pilotate a Siracusa, la procura di Messina chiede 5 condanne

sistema Siracusa, tribunale messina, Cesare Pisello, Ezio Bigotti, Francesco Perricone, Mauro Calafiore, Vincenzo Ripoli, Messina, Sicilia, Cronaca
Il tribunale di Messina

L’accusa ha chiesto cinque condanne nel processo di primo grado per uno dei tronconi dell’operazione «Sistema Siracusa», condotta dalla procura di Messina.

I pubblici ministeri Antonio Carchietti e Antonella Fradà hanno concluso il loro intervento chiedendo la condanna a 7 anni e 9 mesi per Ezio Bigotti, manager piemontese: chiesti, inoltre, 6 anni e 3 mesi per Vincenzo Ripoli , 6 anni per Francesco Perricone, 4 anni per Cesare Pisello infine chiesti 2 anni per Mauro Calafiore. Sono poi intervenuti gli avvocati di parte civile e della difesa.

Al vaglio dei giudici della prima sezione penale del tribunale di Messina l’inchiesta per, a vario titolo, corruzione in atti giudiziari e falso commesso da pubblico ufficiale scattata a febbraio 2019 che ha coinvolto l’imprenditore e alcuni consulenti.

Il procedimento è un filone dell’inchiesta condotta dalla procura di Messina sul «Sistema Siracusa», che a suo tempo portò ad accendere i riflettori su un «comitato di affari», secondo l’accusa, capace di condizionare indagini e fascicoli. Nell’inchiesta, anche il coinvolgimento dell’ex magistrato Giancarlo Longo. Successivamente le dichiarazioni rese ai magistrati dai legali Pietro Amara e Giuseppe Calafiore portarono a nuovi sviluppi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook