Martedì, 19 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Messina, i ragazzi riempiono piazza Unione Europea per dire 'no' al razzismo
MORTE FLOYD

Messina, i ragazzi riempiono piazza Unione Europea per dire 'no' al razzismo

di

Due ragazzi sono riusciti a riempire piazza Unione Europea a Messina. Il loro intento era quello di rompere il silenzio che sino a ieri si era creato nel nostro Paese intorno alla morte di George Floyd, l'afro-americano ucciso in un brutale arresto a Minneapolis il 25 maggio scorso.

Un problema che sembra lontano dall'Italia ma che invece tocca da vicino molti, come spiega Miriam Augugliaro, animatrice insieme con Angelo Marano del sit-in che ieri alle 17,45 ha riempito la piazza antistante il Municipio.

«Non ho organizzato questa manifestazione perché sono mulatta - spiega Miriam -, ma perché prima di tutto sono una persona e sono contraria a qualsiasi tipo di discriminazione, e non si dica che in Italia non c'è razzismo, perché invece esiste e va combattuto».

«Nessuno faceva niente - afferma Angelo Marano -, allora abbiamo deciso di farlo noi». Ma la protesta già serpeggiava tra i nativi digitali, e questi due amici ne sono stati interpreti essendo loro stessi studenti. Quasi tutti ragazzi a riempire la piazza: alcuni arrabbiati, altri con i cartelli, altri fermi a gambe incrociate, tutti si sono seduti a terra quando è iniziato il sit-in per ricordare George Floyd.

«Questo è un sit-in solidale, ovvero solido e coeso - dichiara Angelo all'inizio dell'evento - per non essere mai forti con i deboli e deboli con i forti». E Miriam: «I luoghi comuni esistono e fanno male». Poi, 8 minuti e 46 secondi di silenzio: il tempo che è costato la vita a Floyd. Subito dopo i nomi delle vittime del razzismo. Sono seguiti gli interventi delle associazioni e dei movimenti che hanno dato la loro adesione. Monia (del gruppo delle Sardine), anche lei di origini africane, spiega quanto sia ancora difficile farsi accettare da alcuni. Emblematici i messaggi sui cartelli colorati: «Se neghi la presenza di razzismo nel tuo Paese sei parte del problema».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook