Venerdì, 05 Giugno 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Asse viario “spostato”, chiuso a Caronia viadotto dell'autostrada Messina-Palermo
AUTOSTRADA

Asse viario “spostato”, chiuso a Caronia viadotto dell'autostrada Messina-Palermo

auostrada messina-palermo, autostrada, viadotto, Messina, Sicilia, Cronaca
Un plinto del viadotto Buzza

Sequestrato e chiuso il viadotto Buzza sull'autostrada Messina-Palermo, in direzione Palermo nel territorio di Caronia: i plinti del viadotto, infatti, sarebbero fuori asse e quindi il tratto sarebbe pericoloso e a rischio cedimento. Il tratto autostradale è gestito dal Cas.

Il viadotto autostradale è lato mare, posizione nord, su cui poggia la carreggiata autostradale con direzione Messina - Palermo. Rimane, invece, libero da vincoli e dunque aperto al traffico il viadotto parallelo, su cui poggia la carreggiata autostradale con direzione inversa Palermo - Messina, sulla quale è stata dirottata tutta la circolazione, con doppio senso di marcia.

Il sequestro è stato eseguito dalla polizia stradale di Sant'Agata Militello ed è stato emesso dal gip del Tribunale di Patti, Eugenio Aliquò, su richiesta dei sostituti procuratori Giorgia Orlando e Federica Urban.

Attualmente risultano inscritti nel registro degli indagati sei funzionari del Cas: si tratta dei direttori generali dell'ente e dei responsabili delle singole aree autostradali che si sono succeduti negli anni e che, secondo l'accusa, non avrebbero provveduto alla manutenzione ed al ripristino a regola d’arte della struttura, omettendo di effettuare i lavori necessari per rimuovere le relative, potenziali situazioni di pericolo.

Le indagini sono state avviate a seguito della comunicazione di un utente della strada che aveva segnalato una situazione di pericolo e di potenziale dissesto sul viadotto. Dopo la segnalazione il Comando provinciale dei vigili del fuoco aveva eseguito un sopralluogo sul viadotto, rilevando il “disassamento” dei basamenti dei pilastri portanti della struttura. Cioè i pilastri erano fuori asse.

I basamenti superiori in calcestruzzo su cui poggia il viadotto e l’intero asse viario risultano fortemente “disassati”, dunque fuoriusciti e disallineati rispetto ai pilastri portanti del viadotto stesso, con la concreta possibilità di uno “scarrellamento” del singolo plinto rispetto all’appoggio ed all’asse viario.

La Procura di Patti ha proceduto alla nomina di un consulente tecnico, Franco Buontempi, dell’Università La Sapienza di Roma, il quale, in sinergia con il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e con il Distaccamento di Polizia Stradale di S. Agata Militello, all’esito di complesse indagini tecniche, svolte anche tramite l’ausilio di droni e finalizzate ad un’analisi strutturale di tipo analitico ed alla valutazione circa la sicurezza e la vulnerabilità dell’infrastruttura, ha concluso come il viadotto “Buzza”, nella carreggiata con direzione Messina - Palermo, mostri chiari segnali di dissesto e di abbandono.

Le indagini tecniche, in particolare, hanno evidenziato come lo stato del viadotto, alla luce della grave situazione di disassamento - disallineamento dei suoi basamenti dai pilastri portanti, debba essere corretto immediatamente per scongiurare il rischio serio e concreto di cedimento immediato e di collasso dell’intera struttura.

Secondo il consulente, il cedimento potrebbe verificarsi, in primo luogo, a seguito di un evento sismico anche di bassa portata; a tale proposito è opportuno ricordare che l’opera in questione è qualificata come “infrastruttura strategica” posta in una zona “a pericolosità sismica medio - alta”, con conseguenze facilmente immaginabili (“l’ispezione con drone ha permesso ulteriormente di mettere in luce puntualmente i disallineamenti degli appoggi. Infatti, le fotografia riportate … permettono di rilevare, uniformemente per le quattro pile ispezionate, che gli appoggi sono dislocati ai bordi della piastra di appoggio inferiore. Questo implica che, accanto agli effetti delle eccentricità del peso dell’impalcato sulle pile con relativo incremento delle sollecitazioni sulle stesse pile, … esista la concreta eventualità di fuoriuscita degli appoggi dalla loro sede in occasione di un evento sismico, anche di non rilevante intensità. Questa possibilità comporterebbe un repentino cambio irreversibile di assetto del viadotto, con un effetto di impatto dell’impalcato sulla testa della pila sottostante, a cui potrebbe seguire un impuntamento dell’impalcato sulla testa della pila che a sua volta accuserebbe un incremento sproporzionato dello stato di sollecitazione. Tale possibile sequenza potrebbe propagarsi alle altre pile con un effetto domino incontrollato”).

Inoltre, sempre secondo il consulente, il rischio concreto di un cedimento potrebbe dipendere anche da semplici “azioni ambientali usuali”, ossia semplice eventi atmosferici naturali, fra cui sono da annoverarsi anche le semplici “variazioni termiche”.

E’ stato ribadito dal consulente, in ogni caso, che “…dalle ispezioni sviluppate anche con droni, appare netto il quadro del dissesto degli appoggi in atto. In questa documentazione si nota l’azione di trascinamento fuori sede delle piastre di appoggio, con un fenomeno di accumulo successivo di spostamenti noti in letteratura come “ratchetting”: con questo termine si descrive un fenomeno irreversibile di accumulo di deformazioni che porta a una situazione di collasso”.

L’opera, nel suo stato attuale, risulta incompatibile con le funzioni di “struttura strategica”, dal momento che non risulta soddisfatto quanto prescritto dalle norme. In effetti l'organo di vigilanza del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti aveva già intimato al Consorzio per le Autostrade Siciliane di provvedere al monitoraggio immediato delle condizioni dell’opera, alla relativa manutenzione e, nelle more, all’interdizione al traffico veicolare.

Dalle indagini poste in essere risulta che il Cas, invece, nel corso di oltre un anno e mezzo, si sarebbe limitato esclusivamente ad interdire al traffico il viadotto, interrompendo anzitempo, e del tutto arbitrariamente, a partire dall’aprile 2019 fino ad oggi, l’azione di monitoraggio che pure era stata inizialmente intrapresa. Il Cas, inoltre, nel periodo in esame, non avrebbe adempiuto all’avvio di qualsiasi opera di manutenzione o di verifica preliminare necessaria.

Il gip nel decreto di sequestro, a tale proposito, ha evidenziato "la colpevole inerzia dell’Ente gestore il quale, al di là della tempestiva chiusura del traffico veicolare nel tratto di autostrada in questione, ha tuttavia omesso di intervenire con lavori di recupero della struttura, manutenzione e verifica (così come previsto dalla Circolare 19.07.1967 n. 6736/61 Ministero Lavori Pubblici), nonché di proseguire (dall’aprile 2019 ad oggi) al monitoraggio degli spostamenti dei basamenti della struttura (iniziato, tramite apposito bypass automatico, nel gennaio 2019), necessario al controllo costante dei movimenti dell’opera”.

Il Gip ha emesso il provvedimento di sequestro, ritenendolo necessario, in quanto “l’attuale chiusura del tratto in questione costituisce mero effetto delle disposizioni dei responsabili del C.A.S. ai quali, dunque, è lasciata, allo stato, anche la facoltà di riaprire il transito, decisione questa che, alla luce degli esiti della consulenza tecnica, risulterebbero esporre ad ulteriore grave rischio la circolazione e l’incolumità pubblica. Tale aspetto, dunque, deve essere sottratto alla valutazione dell’ente concessionario che… ha dimostrato totale inerzia e disinteresse davanti al rischio e, comunque, al grave disagio causato agli utenti”.

Sono stati nominati custodi temporanei dell’opera sottoposta a sequestro alcuni funzionari del Cas.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook