Venerdì, 27 Novembre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Coronavirus, il 10% dei messinesi si sta sfamando con la Family Card: spesi 79 euro a famiglia
BUONI SPESA

Coronavirus, il 10% dei messinesi si sta sfamando con la Family Card: spesi 79 euro a famiglia

di

Fino a domani proseguirà la corsa alla Family Card, il sistema di buoni spesa ideato dal Comune di Messina per venire incontro alle difficoltà di migliaia di famiglie che si sono trovate all'improvviso senza entrate economiche e in seria difficoltà anche solo per sfamarsi per l'emergenza coronavirus.

Entro le 20 di domani, chi ancora non lo ha fatto, potrà ricevere la card dopo essersi iscritto a familycard.comune.messina.it. Secondo i dati diffusi che fanno riferimento alle 20 di ieri sera, le domande presentate hanno sfondato il muro simbolico di quota 10.000; 7814 sono quelle valide, 2098 sono quelle che sono state annullate e altre 500 invece sono state sospese dal Comune perché c'era chi ha provato ad approfittare della misura ma è stato smascherato.

Partiamo dalle quasi 8000 valide. Intanto interessano circa 22.000 persone perché la media di componenti di un nucleo familiare messinese è di poco sotto le 3 unità. Siamo dunque assai vicini al 10% dell'intera popolazione che si sta sfamando grazie ai soldi della Family Card. Fra le 7814 domande valide, le card attivate sono 5796. Sono quelle delle dichiarazioni in cui è stata barrata la lettera A (non si percepisce alcun reddito in questo momento ) e B (non si riceve alcun sostegno da parte dello Stato). Per questi nuclei familiari i voucher sono stati inviati in pochi minuti e sono divenuti spendibili immediatamente.
E ben il 98,1% di questi nuclei familiari, praticamente tutti, hanno usato la loro card da sabato a ieri. Ed hanno speso il 66,7% di quanto avevano a disposizione del loro budget settimanale. In totale cioè 451.657 euro. Con un media di 79 euro a famiglia.

Da domani, sabato 18, alle ore 20, sarà sospeso l’inserimento di nuove richieste per l’ottenimento della Family Card, al fine di procedere ai controlli sulle autocertificazioni pervenute, in merito ai redditi dichiarati e/o eventuali omissioni su misure emergenza COVID 19 già percepite. La decisione è stata assunta a seguito di un tavolo tecnico tenutosi nella sede della Protezione Civile del Comune, alla presenza dell’Amministrazione comunale.

Alle ore 17 di giovedì 30 scadrà inoltre il termine per l’adesione da parte degli operatori economici, sulla piattaforma telematica, precisando pertanto che si procederà alla sottoscrizione delle convenzioni, relative agli esercenti che hanno inserito la richiesta entro il suddetto termine.

Coloro che avessero difficoltà, per impedimento fisico, a recarsi negli esercizi convenzionati all’accettazione dei buoni spesa, possono contattare la società Messina Social City, previo appuntamento ai numeri telefonici 320-0459542, 338-1039638 e 324-9076991, che metterà a disposizione proprio personale per concordare l’acquisto della spesa a domicilio.

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook