Martedì, 24 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca I timori dell'imprenditrice messinese Ersilia Calabrò: "Barricata a Londra ma nessuno ci tutela"

I timori dell'imprenditrice messinese Ersilia Calabrò: "Barricata a Londra ma nessuno ci tutela"

di
Messina, Sicilia, Cronaca
Ersilia Calabrò

«Sono in auto-quarantena da domenica 8 marzo, perché seguo con attenzione quello che sta accadendo in Italia e vivo con molta apprensione questo difficile periodo». Ersilia Calabrò, giovane imprenditrice messinese, vive e lavora a Londra da circa 5 anni. Ha fondato la società Ec Management Comunication Ltd e attraverso l'agenzia Ec Digital gestisce i profili Instagram di personaggi famosi che contano dai 500.000 ai 3 milioni di follower ma da alcune settimane la sua routine è stata letteralmente stravolta. A Londra i casi di coronavirus stanno crescendo giorno dopo giorno ma il Governo inglese non ha assunto misure stringenti per contenere il contagio: le scuole sono aperte, si continuano a tenere eventi e concerti.

«In questo momento io, come tanti italiani, non mi sento al sicuro e non mi sento assolutamente tutelata. Ho molta paura e sono preoccupata perché non vedo un intervento dello Stato volto a salvaguardare la salute dei cittadini - racconta da Londra, Ersilia -. Ci è stato dato un numero di telefono, l'111, da chiamare in caso di sintomi legati al coronavirus, viene poi consigliato l'auto-isolamento per una settimana per chiunque abbia febbre alta e tosse e solo dopo sette giorni, qualora i sintomi persistano, viene fatto il tampone e i risultati si sanno solo dopo altri cinque giorni e comunque sei lasciato completamente da solo».

Il Paese non sembra aver compreso la gravità della situazione. «La cosa ancora più triste - aggiunge la giovane imprenditrice - è che il premier Boris Johnson è fermo sulla sua linea e ha pronunciato anche una frase spiacevole, ovvero che bisogna abituarsi all'eventualità di perdere i nostri cari».

In quarantena per scelta, cercando però di continuare a portare avanti progetti lavorativi: «Sto continuando a lavorare da casa e i social mi aiutano a diffondere dei messaggi positivi, mentre sembra che tutti attorno a me continuino a fare la vita di prima. Sono quasi l'unica ad utilizzare precauzioni. Ho anche pensato di tornare a casa, a Messina, ma mia madre ha le difese immunitarie basse e non voglio creare disagi alla mia famiglia ma penso anche che se una persona sceglie di andare a vivere in un'altra città, dove costruisce il proprio progetto di vita, non deve scappare, tanto gli affetti sono sempre al nostro fianco. È una battaglia da combattere con le proprie forze».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook