Lunedì, 17 Febbraio 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Aids, chiusa l’inchiesta sull’untore di Messina: scoperti altri casi tra le donne
IL CASO

Aids, chiusa l’inchiesta sull’untore di Messina: scoperti altri casi tra le donne

di
aids, sieropositivo, Messina, Sicilia, Cronaca
Il tribunale di Messina

L’inchiesta sull’untore sieropositivo di Messina che ha contagiato alcune sue compagne ed è accusato di averne uccisa una, adesso è chiusa. E si apre anche un “braccio di ferro” tra la procura e il gip, che lo ha scarcerato concedendogli gli arresti domiciliari con il braccialetto elettronico.

Ma ci sono altre novità - ricostruiste la Gazzetta del Sud in edicola - nella vicenda del 55enne messinese L.D.D., affetto da Hiv, arrestato a settembre con l’accusa d’omicidio per aver infettato la compagna, poi deceduta tra atroci sofferenze, l’avvocato messinese S.G., spirata nel luglio del 2017 a 45 anni. La donna non fu curata per l’Aids contratto dal partner, patologia che non fu mai diagnosticata, e per questo aspetto c'è una seconda inchiesta a carico dei medici che la seguirono durante la malattia.

A quanto pare dopo il primo step di indagini della Sezione di polizia giudiziaria dei carabinieri, adesso si sarebbe ulteriormente allargato, dopo altri accertamenti, in più parti d’Italia e anche all’estero, il numero di donne che l’untore potrebbe aver contagiato.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook