Domenica, 19 Gennaio 2020
stampa
Dimensione testo
INCLUSIONE

Mastelli con codice braille a Messina, De Luca: "Soddisfatti di essere i primi in Sicilia"

di

"Siamo molto soddisfatti di essere la prima città metropolitana in Sicilia ad usare per la raccolta differenziata anche mastelli con codice braille per le persone con disabilità visive. La nostra amministrazione sta cercando di  adottare tutte le misure necessarie per abbattere le barriere architettoniche e culturali, che non permettono alle persone diversamente abili di condurre una vita normale rendendoli così partecipi alle attività della comunità”.

A dirlo il sindaco di Messina Cateno De Luca, durante una conferenza stampa nella sede dell’Unione Italiana ciechi di Messina, durante la quale Messinaservizi Bene comune ha donato 600 kit di mastelli con codice braille per la raccolta differenziata.

“Abbiamo pensato con l’Unione Italiana Ciechi di organizzare questa iniziativa  – dice il presidente di Messinaservizi bene Comune Giuseppe Lombardo – grazie anche  ad una segnalazione di Pietro Currò. Questo per noi era un atto necessario per portare avanti un progetto di inclusione sociale, anche partendo dalle piccole azioni quotidiane. Questi particolari mastelli verranno intanto consegnati nelle aree dove è già iniziata il porta a porta e poi nel resto della città”.

Il presidente regionale Unione Italiana Ciechi e presidente della Stamperia Regionale Braille di Catania prof. Gaetano Minincleri ha spiegato come avverrà la raccolta porta a porta con questi particolari mastelli: “Nel coperchio di ogni mastello c’è scritto in  codice braille quale materiale è possibile conferire, in questo modo non  vedenti ed ipovedenti potranno correttamente effettuare la raccolta differenziata”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook