Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
L'INCHIESTA

La morte dell’operaio in un cantiere di servizio, indagati tre tecnici del Comune di Messina

di
cantieri di servizi, palazzo zanca, Francesco, Giovanni Caponata, Giuseppe Russo, Vincenzo Garufi, Messina, Sicilia, Cronaca
Il tribunale di Messina

Tre indagati. L’ipotesi di reato è omicidio colposo. Ma il ventaglio delle responsabilità per la morte del povero operaio 56enne Giovanni Caponata, caduto da una scala il 10 ottobre scorso mentre era impegnato nei cantieri di servizi alla scuola Cannizzaro-Galatti e deceduto dopo nove giorni d’agonia al Policlinico, potrebbe essere destinato ad allargarsi.

Ci sono - si legge sulla Gazzetta del Sud in edicola - le prime certezze nell’inchiesta gestita dal sostituto procuratore Marco Accolla, che ha affidato le indagini alla polizia. Il primo step è l’iscrizione nel registro degli indagati, come atto dovuto dopo gli accertamenti iniziali, di un ingegnere e due geometri, in ruoli tecnici, con l’ipotesi di reato di omicidio colposo.

Si tratta dell’ingegnere Francesco Aiello, dirigente a Palazzo Zanca, e dei geometri Vincenzo Garufi e Giuseppe Russo, ovvero i due professionisti che a quanto pare si sono occupati in concreto della gestione del cantiere di servizi nel plesso scolastico.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook