Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
CAMARO

Minaccia di farsi esplodere dopo il taglio dell'acqua: panico nella baraccopoli di Messina

di

Un tanfo insopportabile di gas avvolge la baraccopoli di Camaro San Paolo. Proviene da una delle tante catapecchie che da decenni offrono un biglietto da visita di degrado e abbandono a chi arriva in città dallo svincolo di Messina Centro.

Dentro c'è un uomo di mezz'età, un ex impiegato in una ditta di trasporti che alle difficoltà di deambulazione somma la disperazione dell'avvenuto distacco della rete idrica da parte dell'Amam.

Chi abita nelle vicinanze, nel dedalo di viuzze anonime, lancia l'allarme al numero unico di pronto intervento 112. Pompieri e agenti intavolano una trattativa con l'uomo, che accanto a sé ha cinque bombole di Gpl e una bottiglietta di alcol da utilizzare per scatenare l'inferno. Fortunatamente, dopo una complessa opera di convincimento, desiste.

L'articolo completo nell'edizione odierna di Messina della Gazzetta del Sud.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook