Venerdì, 06 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
INQUINAMENTO

Plastiche nel mare, progetto del Cnr di Messina sull'impatto ambientale

Colmare il gap nella misurazione e nell’analisi delle micro e nano plastiche contenute nelle acque dei mari, grazie alla combinazione delle pinzette ottiche e della spettroscopia Raman. Nasce con “Microplastique”, progetto di ricerca che ha impegnato il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ipcf) di Messina, finanziato dall’l'Institut Français de Recherche pour l'Exploitation de la Mer (Ifremer) e coordinato dal messinese Pietro Gucciardi, la possibilità di andare oltre la sola misurazione per valutare anche l’impatto ambientale di piccole quantità di plastica su tutto l’ecosistema marino e acquatico.

Il contenuto della ricerca, pubblicata su “Environmental Science and Technology”, è stata sviluppata fra lo Stretto e la Francia, unendo i ricercatori di entrambi i poli di eccellenza. «Oggi non si sanno ancora quali sono gli effetti tossicologici delle nano plastiche sulle specie viventi – continua Gucciardi – La città di Messina ha dimostrato di essere punto di eccellenza esportando a livello internazionale una ricerca che si è accresciuta nello scambio e nel confronto con le altre realtà».

Il metodo si è dimostrato efficace anche su campioni invecchiati dagli agenti atmosferici e costituiti da comuni inquinanti plastici.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook