Martedì, 20 Ottobre 2020
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Plastiche nel mare, progetto del Cnr di Messina sull'impatto ambientale
INQUINAMENTO

Plastiche nel mare, progetto del Cnr di Messina sull'impatto ambientale

Colmare il gap nella misurazione e nell’analisi delle micro e nano plastiche contenute nelle acque dei mari, grazie alla combinazione delle pinzette ottiche e della spettroscopia Raman. Nasce con “Microplastique”, progetto di ricerca che ha impegnato il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ipcf) di Messina, finanziato dall’l'Institut Français de Recherche pour l'Exploitation de la Mer (Ifremer) e coordinato dal messinese Pietro Gucciardi, la possibilità di andare oltre la sola misurazione per valutare anche l’impatto ambientale di piccole quantità di plastica su tutto l’ecosistema marino e acquatico.

Il contenuto della ricerca, pubblicata su “Environmental Science and Technology”, è stata sviluppata fra lo Stretto e la Francia, unendo i ricercatori di entrambi i poli di eccellenza. «Oggi non si sanno ancora quali sono gli effetti tossicologici delle nano plastiche sulle specie viventi – continua Gucciardi – La città di Messina ha dimostrato di essere punto di eccellenza esportando a livello internazionale una ricerca che si è accresciuta nello scambio e nel confronto con le altre realtà».

Il metodo si è dimostrato efficace anche su campioni invecchiati dagli agenti atmosferici e costituiti da comuni inquinanti plastici.

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook