Mercoledì, 21 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
LA COMMEMORAZIONE

Messina ricorda Boris Giuliano nell'anniversario della sua morte

Sono stati diversi i momenti solenni e commoventi quelli vissuti ieri, domenica 21 luglio, giorno dell’anniversario della morte di Giorgio Boris Giuliano. E da quel giorno quarant’anni sono passati ma, nonostante questo, vivo resta il ricordo di un uomo e poliziotto di ineguagliabile coraggio.

Che questa giornata venga poi vissuta e organizzata a Messina non è un caso: proprio qui Giorgio Boris Giuliano ha trascorso molti anni - forse i più spensierati - della sua vita: ha conseguito la maturità classica, si è laureato in giurisprudenza, ha giocato a basket, ha stretto le amicizie che poi sono rimaste per il resto della sua vita.

Questo il programma che si è svolto alla presenza del Questore dott. Vito Calvino nonché di altre autorità civili, militari e religiose: alle ore 7,45 raduno in Piazza Unione Europea, e alle ore 8,10, stesso orario in cui fu ucciso a Palermo dal mafioso Leoluca Bagarella, un momento istituzionale di silenzio e riflessione dinnanzi il monumento ai caduti.

Alle ore 17,45, nel cortile is. 92 di Via G. Natoli, dove Giorgio Boris Giuliano è vissuto con la famiglia nel periodo della sua permanenza a Messina, si è svolta un’ulteriore iniziativa pubblica con brevi interventi programmati e deposizione di una corona di fiori alla base della lapide, posta nel 2009 in sua memoria, offerta dal Consiglio della III Circoscrizione.

Alle ore 19,00 nella chiesa di S. Nicolò all’Arcivescovado di Viale S. Martino, vi è stata la celebrazione della Santa Messa nel ricordo di Giorgio Boris Giuliano e di quanti altri, negli anni, valorosamente hanno “pagato con la Vita” la lotta per la libertà e la legalità.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook