Venerdì, 13 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
NEL 1998

Messina, vinse 1 miliardo di lire al "Gratta e Vinci" ma il biglietto era contraffatto: "Vita distrutta"

di

Una grossa vincita alla lotteria può cambiare la vita, ma non sempre in meglio. Lo sa bene una cinquantacinquenne messinese che dopo vent'anni di battaglie legali, rinvii, speranze, delusioni e tante lacrime si ritrova a mani vuote, senza aver mai incassato un soldo.

«La mia vita è distrutta, quello che mi è successo la ritengo un'ingiustizia», dice in lacrime la donna. Recentemente ha saputo che deve pagare anche oltre 30.000 euro per le spese di giudizio di primo e secondo grado. Un pomeriggio di dicembre del 1998 era entrata in una rivendita di tabacchi della provincia acquistando un biglietto della lotteria “Gratta e Vinci”. Grattando la patina del tagliando erano affiorate quattro farfalle che valevano una vincita da un miliardo di vecchie lire. Quei segni significavano l'avverarsi di sogni e desideri per la sua famiglia e le persone più care.

L'articolo nell'edizione di oggi della Gazzetta del Sud - Messina

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook