Mercoledì, 21 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Lo Stromboli erutta e tra la popolazione torna l'incubo tsunami

La paura torna a Stromboli a quasi 17 anni dall'onda anomala del 30 dicembre del 2002 che travolse l'isola. Una sorta di piccolo "tsunami". Questa volta a creare tensioni e fughe tra abitanti e turisti è stato il 'fuoco', gli incendi causati dalla violenta esplosione 'stromboliana', che prende il nome dall'isola, con i lapilli che invece di ricadere nella parte sommitale del vulcano sono precipitati, a causa dalla forte deflagrazione, anche a grande distanza dal cratere e a valle.

Stessa paura, stessa causa scatenante, lo Stromboli, ma scenario diverso del 30 dicembre del 2002, quando un pezzo consistente del costone della Sciara del fuoco precipitò in mare creando un'onda anomala alta 20 metri che travolse tutta la costa danneggiando case, barche, negozi, vegetazione. La Protezione civile fece una stima che il volume complessivo di lava staccatosi dallo Stromboli aveva un'estensione complessiva di due milioni di metri cubi, l'equivalente di un palazzo di 30 piani

Furono sei le persone rimaste ferite, allora, soccorse e ricoverate in ospedale, alcune con delle fratture definite non gravi. L'onda anomala mise in moto la macchina dei soccorsi, ma anche della prevenzione civile. Lo Stromboli fu messo sotto osservazione costante con un modernissimo sistema di allarme, con boe e sirene, in caso di nuove onde anomale, e la creazione di aree di raccolta delle persone presenti nell'isola nelle zone più alte. Ma questa volta il pericolo non è arrivato dall'acqua, ma dal fuoco.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook