Mercoledì, 20 Novembre 2019
stampa
Dimensione testo
PRIMARIO A REGGIO

Il medico Pandolfo ucciso nel '93: un figlio di Messina dimenticato, ma c'è ora chi spezza il silenzio

di
medico, omicidio, Domenico Nicolò Pandolfo, Messina, Sicilia, Cronaca
Domenico Nicolò Pandolfo

Quel 20 marzo del 1993 la via non era solitaria, e Domenico Nicolò Pandolfo, primario di Neurochirurgia dell' "Ospedale Riuniti" di Reggio Calabria, che lavorava senza risparmiarsi, fu freddato a Locri dove era consulente del nosocomio, in pieno giorno, con 7 pallottole. Aveva 51 anni. Il silenzio fu assordante.

«Mio papà - racconta il figlio Marco - si è formato all'Università di Messina. Era di famiglia umile, i suoi genitori facevano i fattori, ma studiò con amore e dedizione, incoraggiato anche da suo padre, che coltivava da sempre l' idea di far diventare il figlio medico». Dopo la specializzazione a Padova venne chiamato a Lecce.

«Il prof. Bartolomeo Armenise venne incaricato di dirigere il reparto di Neurochirurgia dell'ospedale regionale "Vito Fazi" e avendo bisogno di un assistente preparato chiamò mio padre che accettò con piacere». Fu un anno importante: « Io sono nato proprio a Lecce e in quel breve periodo arrivò una nuova svolta. Infatti, proprio a Reggio, Romeo Eugenio Del Vivo, neurochirurgo di fama europea formatosi a Zurigo, chiamato a dirigere una nuova divisione neurochirurgica, dopo aver parlato con Armenise, scelse mio padre. Era felice non soltanto per l'opportunità, ma perché aveva il desiderio di avvicinarsi il più possibile a Messina». Tutto procedeva in maniera normale, fino al giorno della tragedia, rimasta senza un perché.

L'articolo completo sulla Gazzetta del Sud in edicola - Edizione di Messina

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook