Giovedì, 22 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
L'INIZIATIVA

Solstizio d'estate in concerto a Montalbano e Tindari per il coro alpino "Orobica"

«Momenti unici e meravigliosi, cantare a 1.200 metri nel concerto della Rinascita la mattina del "Solstizio d'Estate" sotto i Megaliti dell'Argimusco, con attorno un panorama mozzafiato è stata una sensazione irripetibile che ricorderemo per sempre, ha dichiarato subito dopo il concerto il presidente del Coro Alpino Orobica Dimitri Simeoni.

«Da evidenziare la calorosa accoglienza a cominciare dal pubblico, che ha gioito con noi e assaporato le belle sensazioni del concerto all'aria aperta. L'ospitalità ricevuta è stata molto bella e corale, grazie a tutti e grazie alla Sicilia, terra meravigliosa».

Sono stati due gli appuntamenti con gli alpini, sabato 22 giugno a Moltalbano Elicona "Borgo dei Borghi 2015". Il primo concerto si è svolto nella mattinata sull'altopiano dell’Argimusco, apprezzato dal pubblico proveniente da tutta la Sicilia, che dopo il concerto ha potuto visitare l'intero sito, con gli enormi e affascinanti megaliti, ancora privi di una vera identità storica e scientifica. La mattinata per i 40 coristi alpini lombardi si è conclusa, con la visita al Borgo medievale e al Castello.

Nel pomeriggio si è svolta la cerimonia dell’accoglienza nei saloni del palazzo municipale ospiti del sindaco Filippo Taranto, che ha portato i saluti della città ai coristi lombardi, alla delegazione di alpini provenienti da tutta l'isola, ai rappresentanti delle Associazioni d'Arma e a tutti gli ospiti: "Per noi oggi è stato un giorno di festa, che abbiamo avuto il piacere di condividere assieme a tutti voi, cari amici Alpini a Montalbano sarete sempre i benvenuti".

A seguire si è svolta la sfilata, con un corteo che ha raggiunto la piazza principale, per partecipare alla cerimonia solenne, con la resa degli onori ai caduti di tutte le guerre e la deposizione di una corona di alloro ai piedi del Monumento ai caduti. La deposizione della corona è stata accompagnata dal sindaco Filippo Taranto e dal Capo Gruppo Alpini di Messina Giuseppe Minissale.

Dopo il momento solenne il cerimoniere Domenico Interdonato si è soffermato a ricordare l'attività delle Associazioni d'Arma, "presidi importanti dei nostri territori perché custodi di pregiati valori, il più importante è il ricordo, perché il ricordo delle guerre deve servire a fortificare la pace".

A seguire la Santa Messa con la lettura della preghiera dell'Alpino e l'apprezzato concerto, svoltosi in piazza e  concluso con la canzone "Quel mazzolin di fiori", dedicato all'Assessore Alessia Prescimone e al Consigliere comunale Ermina De Francesco, rispettivamente artefice e promotrice della manifestazione.

Domenica il Coro degli Alpini si è recato a Tindari, ospite del Comune di Patti. Gli alpini sono stati accolti dal sindaco Mauro Aquino e da una folta delegazione composta da alcuni rappresentanti della Giunta e del Consiglio Comunale. Il consigliere Placido Salvo coordinatore e sostenitore dell'evento, ha accompagnato per l'intera mattinata i coristi e gli ospiti. La manifestazione è iniziata, con la visita guidata dell’area archeologica,  la Santa Messa in Basilica e una passeggiata – incontro, con canti Alpini svoltasi nelle scalinate e nel piazzale del Santuario.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook