Lunedì, 26 Agosto 2019
stampa
Dimensione testo
IL CASO

Fecero sparire la corrispondenza, i tre funzionari delle Poste di Messina scelgono il silenzio

di

Hanno scelto la strada del silenzio i tre funzionari delle Poste coinvolti nell'inchiesta della polizia sulla corrispondenza non recapitata e fatta sparire per ottenere in tempi più veloci la corresponsione dei premi di produzione.

Nel corso degli interrogatori di garanzia di fronte al gip Monica Marino, si sono avvalsi della facoltà di non rispondere l'ex direttrice del Centro di smistamento di via Olimpia Angela Cingari e i capisquadra Giuseppe Scarcella e Alfio Chiarenza, sospesi dal servizio per la durata di quattro mesi insieme al portalettere Marco Ciraolo.

A proposito della posizione di Chiarenza, i suoi difensori, gli avvocati Fabio Marchetta e Raffaello Scelsi, in una nota sottolineano che il loro assistito "si proclama assolutamente estraneo alle contestazioni mossegli".

L'edizione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione cartacea della Gazzetta del Sud - edizione di Messina.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook