Martedì, 18 Giugno 2019
stampa
Dimensione testo
OPERAZIONE FORTINO

Messina, gli Arena "padroni" di Valle degli Angeli e lo sgarro del furto in casa della suocera

di

«Pacificazione». «Collaborazione». «Aiuto reciproco per superare certi ostacoli»: dinamiche che, come spiegato in conferenza stampa dal procuratore aggiunto Rosa Raffa, caratterizzano i rapporti tra i vari gruppi malavitosi attivi a Messina.

Sulla stessa lunghezza d’onda il gip Salvatore Mastroeni, che nella sezione dell’ordinanza dedicata alle esigenze cautelari dell’operazione “Fortino”, che martedì ha portato a 17 arresti, si sofferma anche sui legami tra gli Arena e altri soggetti con un “curriculum” criminale di tutto rispetto.

Un’associazione, quella radicata a Valle degli Angeli e sgominata dalla Squadra mobile e dalla Procura di Messina, «in cui ogni singolo componente», pure «il gregario» o il «mero ladro», vanta «capacità di reati e pericolosità ad ampio spettro di livello non comune».

Messina, ecco la banda di siciliani e calabresi che vendeva la droga a Valle degli Angeli - Nomi e foto

Ma può anche capitare che gli Arena «non appaiono protetti dalla sorte» e subiscono azioni delittuose. Nel febbraio 2016, ad esempio, la polizia registra una conversazione tra Francesco Arena e Bartolo Bucè relativa a un furto consumato nel domicilio della suocera del primo, in relazione al quale «Arena manifestava propositi bellicosi».

Leggi le intercettazioni sulla Gazzetta del Sud  in edicola.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook