Sabato, 07 Dicembre 2019
stampa
Dimensione testo
9 A GIUDIZIO

Incendio alla Raffineria di Milazzo: parte civile la Regione e i ministeri della Salute e dell’Ambiente

di
L’inferno su Milazzo. Ancora vivo nella memoria di decine di migliaia di persone residenti tra il comprensorio mamertino, la Valle del Mela, ampi segmenti di fascia tirrenica e pendici dei Peloritani. Disastro ambientale doloso e cooperazione nell’incendio doloso i reati contestati.
Dunque, il drammatico incendio del serbatoio TK-513 della Raffineria di Milazzo del 27 settembre 2014, con dispersione  di idrocarburo virgin naphta «in misura non inferiore a 16 mila tonnellate, sostanza altamente tossica per l’essere umano (irritazione cutanea, possibilità di mutagenicità delle cellule germinali, cancerogenicità, possibilità di danno alle vie respiratorie) e pericolosa per l’ambiente»:  la Procura della Repubblica di Barcellona ha chiuso gli accertamenti investigativi e avanzato nove richieste di giudizio.
La versione integrale dell'articolo è disponibile sull'edizione della Gazzetta del Sud - edizione di Messina.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dalla Gazzetta del Sud in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook