Giovedì, 29 Luglio 2021
stampa
Dimensione testo

Cinema

Home Cultura Cinema Venezia, nella giuria di Orizzonti la scrittrice messinese Nadia Terranova
MOSTRA DEL CINEMA

Venezia, nella giuria di Orizzonti la scrittrice messinese Nadia Terranova

di
L'autrice: "Sono felicissima, spero di trovare film che mi sorprendano. E poi, adoro il grande schermo..."

La scrittrice messinese Nadia Terranova, una delle narratrici più importanti della scena letteraria contemporanea – il suo romanzo, “Addio fantasmi”, ambientato a Messina, è stato nella cinquina del Premio Strega 2019 ed è stato tradotto e pubblicato in venti Paesi – farà parte di una delle giurie della 78. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (che si svolgerà dal 1 all’11 settembre) della Biennale di Venezia, diretta da Alberto Barbera, quella della sezione “Orizzonti”, la cui composizione è stata resa nota ieri.

Con la Terranova – il cui ultimo romanzo è “Il segreto” (con illustrazioni di Mara Cerri, Mondadori) – ci saranno le registe e sceneggiatrici Jasmila Zbanic (Bosnia ed Erzegovina) e Mona Fastvold (Norvegia), il regista sceneggiatore e critico Shahram Mokri (Iran), il curatore della sezione cinematografica del MoMA di New York Josh Siegel. La sezione Orizzonti si occupa di nuove tendenze, e riserva una particolare attenzione agli autori emergenti, alle cinematografie meno conosciute e più sperimentali: una sezione che fa un lavoro cruciale sul possibile futuro della Settima Arte. Dunque, una collocazione perfetta per la giovane autrice siciliana, autrice anche di libri per ragazzi e collaboratrice di numerosi quotidiani e riviste: lo “sguardo sul futuro” delle narrazioni e delle arti è uno dei temi che le sono più cari e congeniali.

«Sono felicissima e onorata – ci ha detto Nadia Terranova commentando la notizia – , felice che ci siano tre donne in giuria, e spero di trovare film che mi sorprendano. E sono felice perché la pandemia e la chiusura delle sale ci stanno disabituando al grande schermo e invece io adoro il grande schermo: non mi piace vedere i film a casa né al computer».

Della giuria del concorso principale, presieduta da Bong Joon-ho, il premiato regista di “Parasite”, fanno parte il nostro Saverio Costanzo, regista e sceneggiatore; l’attrice Virginie Efira (Belgio/Francia); l’attrice teatrale e cinematografica, cantante e compositrice Cynthia Erivo (Gran Bretagna); l’attrice e produttrice canadese Sarah Gadon (Canada); il regista romeno Alexander Nanau; la regista, sceneggiatrice, produttrice e montatrice cinese Chloé Zhao (Cina), Leone d’oro (e poi Oscar) per “Nomadland”.

La Giuria internazionale del Premio Venezia Opera Prima “Luigi De Laurentiis“- Leone del Futuro, è composta da: Uberto Pasolini - presidente (Italia), regista, sceneggiatore e produttore; Martin Schweighofer (Austria), critico cinematografico, docente e direttore di festival; Amalia Ulman (Argentina), artista e regista. Dovrà assegnare, tra tutti i lungometraggi delle diverse sezioni competitive della Mostra (Selezione ufficiale e Sezioni Autonome e Parallele), il Leone del Futuro - Premio Venezia Opera Prima «Luigi De Laurentiis», e un premio di 100.000 dollari, messi a disposizione da Filmauro, che sarà suddiviso in parti uguali tra il regista e il produttore.

Intanto, è firmato per la quarta volta dall’illustratore italiano Lorenzo Mattotti (che peraltro ha realizzato un libro proprio con Nadia Terranova lo scorso anno: una magnifica edizione illustrata di “Aladino e la lampada magica” per Orecchio Acerbo) il manifesto ufficiale della mostra: due personaggi che si filmano reciprocamente in una sorta di danza, di duello giocoso, in un rapporto mediato dalla cinepresa.

«È una danza – spiega – sotto i riflettori di un set, un movimento di energie comuni, un rituale di sguardi. Un’immagine che descrive degli “sguardi a confronto”, e così potrebbe intitolarsi il manifesto della 78. Mostra del Lido. Lo sguardo acquista forza come una nuova relazione tra le persone. I due personaggi simboleggiano due visioni diverse che si incontrano e si confrontano, si guardano e si studiano, ma non si oppongono: grazie al Cinema e al suo ruolo centrale, creativo, propositivo».
Una questione di sguardo, direbbe Nadia Terranova.

© Riproduzione riservata

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook