Giovedì, 19 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Milazzo, assenza di governance nella sanità. La denuncia di "Cittadinanzattiva"
IL CASO

Milazzo, assenza di governance nella sanità. La denuncia di "Cittadinanzattiva"

Le carenze nel settore della riabilitazione in provincia di Messina: forte presa di posizione di “Cittadinanzattiva” che denuncia lo stato di enorme disagio degli utenti a causa “dell’assenza totale di “governance” e di una pianificazione strategica dei servizi territoriali pubblici e convenzionati”. Il riferimento è in particolare ai distretti di Milazzo, Barcellona e Patti.

A fronte di famiglie sempre più sfiduciate, che hanno perso la forza di protestare, mentre sono costrette a costosi percorsi di cura, che invece ad altri sono garantiti dal S.S.R. – afferma il presidente Attilio Andriolo – registriamo il silenzio dell’Asp di Messina e dell’Assessorato Regionale alla Salute, che un anno fa ha disconosciuto le stesse richieste avanzate dall’Azienda locale, peraltro fortemente condizionate al ribasso a causa dell’assenza di una struttura interna, capace di censire i bisogni reali. In tal senso è sufficiente visionare le lunghe liste d’attesa dei soggetti privati convenzionati periodicamente sottoposti a controlli. E’ una situazione lontana anni luce da quella prevista dalla legge, che auspica per i servizi riabilitativi un “governo condiviso”, fondato sull’interlocuzione costante tra “pubblico e privato” e sull’equilibrio dell’assistenza tra i distretti socio-sanitari. Al contrario ci viene offerto un quadro desolante dell’offerta riabilitativa, in cui alcune realtà sono sovraccaricate e non riescono ad assorbire l’utenza assegnatagli, mentre altre, che in qualche caso potrebbero equilibrare queste arbitrarie sperequazioni, vengono pervicacemente svantaggiate o addirittura escluse dal sistema territoriale. Il risultato finale di tali scelte, tutte portate a danno dei soggetti cosiddetti “fragili“ e “fragilissimi”, è che operatori autorizzati non riescono a prendere in carico ulteriori disabili, mentre quelli autorizzabili vengono impediti nel farlo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook