Venerdì, 29 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Cacciola: "De Luca vuol distruggere l'Atm"
MESSINA

Cacciola: "De Luca vuol distruggere l'Atm"

di
atm, cacciola, de luca, Messina, Archivio
Cacciola a C&T "In primis la sicurezza"

E' rimasto in silenzio finora, ha assistito alle polemiche che hanno investito l'Atm e i suoi dipendenti, i progetti sul futuro del tram e del trasporto pubblico in generale. Oggi l'ex assessore alla viabilità Gaetano Cacciola entra a gamba tesa sul sindaco De Luca e sulla prima polemica che ha investito la nuova amministrazione.

Basta proclami, bisogna fare, non distruggere -sbotta Cacciola -

Il cittadino vuole servizi efficienti. Sicuramente non vuole assistere alla demolizione di ciò che ha palesemente funzionato -prosegue l'ex assessore della giunta Accorinti - far veicolare il messaggio secondo cui un’azienda quale l’ATM, che, dopo anni di degrado, ha finalmente ritrovato motivazioni e orgoglio di appartenenza debba invece essere considerata un’azienda incapace di gestire servizi o che abbia utilizzato le risorse comunali per far sopravvivere un servizio in perdita come il TRAM, è indegno di una corretta informazione. Esternazioni, secondo l'ex assessore Cacciola, che sembrano seguire un’unica strategia: sopprimere il trasporto pubblico locale  e mandare a casa centinaia di lavoratori.

Cacciola rivolge poi un pensiero ai dipendenti, agli ausiliari del traffico che lavorano sotto il sole alle torri Morandi, senza navette a sufficienza per difendere un servizio che aveva trasformato l'area di capo Peloro da caos di auto ad ordinato via vai di navette e bagnanti.   E poi i ragazzi che nelle notti estive avevano imparato a lasciare l’auto a casa e a recarsi nei locali della riviera con i bus notturni ora soppressi.

E naturalmente una citazione anche per gli autisti, indispensabili, qualunque sia l’amministrazione che li ha ingaggiati, purchè siano bravi e capaci.

La chiosa di Cacciola è un'ulteriore stilettata al sindaco De Luca: “Per dare una motivazione al cambio dei componenti dei CDA delle partecipate non occorre gettare fango sulle aziende, alimentando campagne d'odio. Basta nominare professionisti di cui si ha fiducia, esperti e capaci che possano gestire l’azienda in modo efficace ed efficiente .

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook