Martedì, 23 Ottobre 2018
TAORMINA

Appartiene ad un uomo il corpo trovato nella baia

di
autopsia, baia giardini, corpo, mutilato, Messina, Sicilia, Archivio
Appartiene ad un uomo il corpo trovato nella baia

È stata eseguita ieri presso la camera mortuaria dell’ospedale San Vincenzo di Taormina l’autopsia sul corpo al momento ancora senza identità rinvenuto in mare venerdì scorso nelle acque della baia di Taormina. Il cadavere smembrato, individuato all’altezza di Isolabella e recuperato in prossimità del porticciolo Saia (Giardini Naxos) è stato sottoposto all’apposito esame autoptico dal medico legale, su disposizione della Procura di Messina, nell’ambito delle indagini sovrintese dal magistrato dott. Francesco Massara. È stato effettuato, in particolare, dal medico legale il prelievo del Dna che potrà risultare fondamentale per provare ad individuare l’identità del cadavere. Gli accertamenti sul corpo sono avvenuti alla presenza del personale della Guardia Costiera di Giardini Naxos e della Capitaneria di Porto di Messina. E proprio la Guardia Costiera di Giardini ha trasmesso adesso i campioni del Dna ai Carabinieri del Ris di Messina. Al momento l’unico elemento emerso dall’autopsia è che il cadavere è di sesso maschile, ma si attende soprattutto che venga svelato il tempo di permanenza in acqua del cadavere: un aspetto, questo, che potrà essere utile per accertare la compatibilità del corpo trovato in mare con le situazioni di scomparsa che si sono verificate in questi anni. L’anatomopatologo incaricato fornirà nelle prossime settimane le risultanze degli esami che potranno dare una svolta alle indagini.

Già in questi giorni, intanto, stanno pervenendo alla Guardia Costiera di Giardini, incaricata per le indagini, diverse telefonate da parte dei familiari di persone scomparse in questi anni. Si tratta di contatti che arrivano dalla zona di Catania, ma anche dalle Eolie sino alla Calabria. C’è stretto riserbo tra gli uomini della Guardia Costiera, diretti dal Comandante Cosimo Arizzi, che attendono gli esiti fondamentali dell’autopsia effettuata ieri ma che nel frattempo stanno cercando di acquisire alcuni elementi in grado di avviare una selezione dei casi, per restringere cioè il cerchio di quelle che potrebbero essere le ipotesi di scomparsa realmente ricollegabili al cadavere misterioso.

Drammatica e inquietante l’immagine che si è presentata venerdì scorso davanti agli occhi degli uomini della Guardia Costiera e dei subacquei dei Carabinieri di Messina che hanno individuato i poveri resti della vittima. Il cadavere privo di testa, braccia e gambe potrebbe essere rimasto chissà per quanto tempo in mare, in balia dei pesci sino a ridursi nelle strazianti condizioni in cui attuali. Non si può nemmeno escludere che il tronco fosse finito sui fondali e che in seguito sia rimasto forse imbrigliato nella rete di qualche pescatore, riemergendo sino all'avvenuto ritrovamento. Il Dna estratto ieri nel corso dell'esame autoptico avvenuto a Taormina verrà sottoposto nelle prossime settimane a degli specifici accertamenti di comparazione. Verrà confrontato cioè il Dna del corpo senza identità con quello di alcune persone di cui non si ha più nessuna traccia da mesi e anni recenti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X