Lunedì, 27 Settembre 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Messina celebra la Patrona
FESTA

Messina celebra la Patrona

di
Cesare Di Pietro, franco montenegro, madonna della lettera, Messina, Archivio
Messina celebra la Patrona

Un giorno straordinario, non solo per l’esigenza di posticipare i festeggiamenti della Madonna della Lettera vista la precedenza della solennità del Corpus Domini, ma soprattutto per la gioia che ha pervaso la città e la comunità dei fedeli che si sono stretti attorno al cardinale Francesco Montenengro, arcivescovo di Agrigento, tornato nella sua Messina - “che ha servito per lungo tempo nel servizio agli ultimi e ai poveri” - come ha sottolineato mons. Accolla nel porgergli il saluto. “Se sono un prete che ha camminato e continua a farlo è merito di questa chiesa”, ha detto visibilmente emozionato e felice di rivedere tanti volti amici non solo fra i confratelli. Ai messinesi ha chiesto di pregare anche per la sua arcidiocesi agrigentina e al neo vescovo ausiliare mons. Cesare Di Pietro, che durante la celebrazione ha emesso la professione di fede, lo ha incoraggiato a continuare sulla scia di quanto fatto finora: “Sappiamo chi sei, continua a osare”. La cattedrale era gremita di fedeli per il solenne pontificale da lui presieduto e concelebrato da mons. Accolla e da mons. Vittorio Mondello, arcivescovo emerito di Reggio Calabria e Bova, al quale erano presenti tanti sacerdoti dell’arcidiocesi e religiosi, le autorità civili, militari e accademiche e i rappresentanti delle confraternite e dei vari gruppi parrocchiali. Amore, misericordia, benevolenza, carità, attenzione, rispetto, amicizia: sono queste le parole contenute nella lettera che i messinesi dovrebbero poter scrivere, proprio come ha fatto Maria, ha detto mons. Montenegro nell’omelia, ricordando che “il domicilio della Chiesa è la strada ed è legato all’impegno verso gli ultimi”. La celebrazione è stata animata dal coro diocesano “S. Maria della Lettera” diretta e accompagnata al grande organo dal maestro Nazzareno De Benedetto e don Giovanni Lombardo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook