Martedì, 26 Maggio 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Segregata e violentata per un anno, un arresto
MESSINA

Segregata e violentata per un anno, un arresto

di
ganzirri, segregata, violenza, Messina, Archivio
18enne segregata in casa

Segregata in casa, picchiata e costretta a subire abusi sessuali. Un inferno durato quasi un anno per una ragazza messinese che nei giorni scorsi ha trovato la forza di rivolgersi ai Carabinieri di Ganzirri e denunciare quello che credeva fosse l'uomo della sua vita.

Per il 23enne, anche lui messinese, è scattato l'arresto per violenza sessuale, sequestro di persona, maltrattamenti in famiglia e violenza privata.

Un calvario iniziato quando i due giovani decisero di convivere. Ma ben presto il sogno di creare una bella famiglia si è trasformato in un incubo.

Il giovane, vittima della sua gelosia, ha chiuso in casa la compagna, impedendole di uscire, di frequentare amici e familiari.

Insultata, picchiata anche con un bastone, minacciata di morte e costretta ad avere rapporti sessuali contro la sua volontà nonostante fosse in uno stato di gravidanza a rischio di aborto.

La ragazza per paura e sperando in un cambiamento, non aveva mai denunciato il suo uomo arrivato a toglierle perfino il cellulare e a lasciarla sola in casa senza luce con la figlia di 3 anni, costretta ad assistere alle violenze.

Alla fine la povera donna ha deciso di rivolgersi ai Carabinieri che hanno avviato le indagini coordinate dalla Procura. In poche ore il 23enne è stato arrestato e rinchiuso nel carcere di Gazzi ponendo fine ad un dramma familiare che poteva mettere a repentaglio la vita della ragazza e del bambino che aveva in grembo.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook