Martedì, 01 Dicembre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Calcioscommesse, per la Procura coinvolti altri giocatori dell’Acr
MESSINA

Calcioscommesse, per la Procura coinvolti altri giocatori dell’Acr

di
acr messina, calcioscommesse, Messina, Archivio
Calcioscommesse, per la Procura coinvolti altri giocatori dell’Acr

Casertana-Messina è solo l’inizio di quanto poi contestato dal pm. Una sorta di iceberg del sospetto. Secondo la Procura, l’allora tecnico giallorosso Arturo Di Napoli, il portiere Alessandro Berardi e il vicepresidente Pietro Gugliotta, in concorso tra di loro, hanno offerto o promesso denaro o altra utilità o vantaggio ad alcuni compagni, tra cui il “dodicesimo” Stefano Addario, Daniele Frabotta e Andrea De Vito (indagati come Alessandro Parisi, Diogo Tavares, Pietro Baccolo e Carmine Giorgione, ndr), al fine di raggiungere un risultato diverso da quello conseguente al corretto e leale svolgimento della gara favorendo la vittoria della Casertana. Messina-Paganese è un’altra gara-simbolo dell’inchiesta. Un 2-2 che spinse la Gazzetta del Sud a titolare: «Un pari tra i sospetti». Qui entrano in ballo l’ex tecnico giallorosso Gianluca Grassadonia, all’epoca sulla panca azzurrostellata, e il dg campano Cosimo D’Eboli. Per il pm Francesco Massara il disegno anche qui è lo stesso: i due con Di Napoli, Berardi e Gugliotta hanno in concorso tra loro offerto o promesso soldi o altro ad alcuni calciatori giallorossi e della Paganese tra cui Piersilvio Acampora, l’allora 17enne – alla 2ª gara tra i Pro – mandato in campo sull’1-2 da Grassadonia e subito dopo autore di un grossolano autogol.

L’articolo completo potete leggerlo nell'edizione cartacea

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook