Sabato, 22 Settembre 2018
RAGUSA

Uccise commerciante, condannato a 30 anni un messinese

Autoricambi, Giacomo Jannello, raid punitivo, salvatore nicosia, Messina, Sicilia, Archivio
Tribunale di Ragusa

Uccise un rivenditore di autoricambi, Salvatore Nicosia, detto Mazinga, il 12 settembre 2016 all'interno del suo negozio sulla strada provinciale Vittoria-Santa Croce Camerina, al termine di un raid punitivo. Giacomo Iannello, 41 anni, messinese ma residente a Vittoria, è stato condannato dal Gup del Tribunale di Ragusa, Andrea Reale, a 30 anni di reclusione. Alla base della lite tra i due pare una questione di debiti che si sarebbero protratti per almeno un anno. Oltre a Giacomo Iannello, nel processo che si è svolto col rito abbreviato, sono stati condannati il padre di Giacomo, Carmelo Iannello di 74 anni a 16 anni e Giuseppe Scionti di 29 anni a 16 anni. Dieci anni di reclusione invece per Yvan Cacciolla, 19 anni, il più giovane del gruppo. La pubblica accusa ha sostenuto che a commettere il delitto sarebbero stati Giacomo Iannello e Giuseppe Scionti, mentre Carmelo li avrebbe attesi per la fuga. Yvan Cacciolla, invece, era solo a conoscenza del piano dell'omicidio ma non ha fatto nulla per impedirlo. L'arma del delitto, nonostante gli arresti, non è mai stata trovata. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X