Venerdì, 19 Ottobre 2018
L'APPELLO

Gli insegnanti delle Eolie al Nord: fateci tornare a casa

eolie, insegnanti, nord, Messina, Archivio
Gli insegnanti delle Eolie al Nord: fateci tornare a casa

Alle Eolie mancano gli insegnanti e otto eoliani sono costretti da anni a «peregrinare" al nord Italia per lavorare. Quattro alla primaria e quattro alle superiori. C'è chi è costretta a stare lontana da casa da 14 anni. E pur con la carenza di docenti che vi è soprattutto nelle isole minori, non riesce a rientrare. E’ per questo che il sindaco Marco Giorgianni recentemente al premier Paolo Gentiloni e al ministro della pubblica istruzione Valeria Fedeli ha richiesto una deroga per la scuola nelle isole minori.

Con l'obbligo che priorità bisognerebbe dare ai docenti residenti in questi arcipelaghi. «La situazione nella quale ci troviamo è
davvero paradossale - racconta Graziella Bonica di Filicudi che insegna a Radicofani, un paesino di montagna in provincia di
Siena - le nostre scuole scioperano per mancanza di organico, e noi, insegnanti e madri eoliane chiamate a 1000 e 1500 km di
distanza dalla nostra terra a insegnare ad alunni di altre città. Con dispendio di energie, economico e familiare senza pari».

«Provo rabbia - aggiunge la docente - e stupore vedendo che nella pluriclasse in cui insegno in un paese di montagna, per 34
bambini, ci sono circa 9 insegnanti, tra sostegno, prevalenti, inglese e religione. E mi chiedo: ma che male hanno fatto i
bimbi delle Eolie per scontare siffatta ingiustizia? Perché hanno una sola insegnante le pluriclasse delle isole? O peggio:
perché sono costretti a lasciare la propria scuola per andare a Milazzo o altrove? Il diritto allo studio è nazionale. Mettano
mense e tempo pieno».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X