Venerdì, 25 Settembre 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Questura, Cucchiara saluta, in arrivo Finocchiaro
MESSINA

Questura, Cucchiara saluta, in arrivo Finocchiaro

di
agrigento, cucchiara, finocchiaro, messina, questura, Messina, Sicilia, Archivio
Giuseppe Cucchiara

Un avvicendamento che in un primo momento era previsto per il settembre dello scorso anno ma che è slittato per il G7 che si è tenuto a Taormina a maggio. Il nuovo questore di Messina ha una lunga carriera svolta quasi interamente nella sua terra, la Sicilia. Mario Finocchiaro è nato a Catania ed è entrato in polizia nel 1985. A Palermo il suoi primi incarichi dirigendo la scuola allievi agenti ausiliari prima di diventare dirigente dell'ufficio scorte.

A più riprese finocchiaro ha lavorato alla questura di Caltanisetta ricoprendo il ruolo di vice dirigente della squadra mobile e dirigente della Digos e della stessa Mobile. Nel 2001 la promozione a primo dirigente della polizia di stato. Quindi di nuovo a Enna dove tra il 2004 e il 2009 è stato vide questore Vicario. Circa un anno e mezzo poi nella questura della sua città. Da Catania in Calabria dal dicembre 2010. Anche a Cosenza è vice questore vicario e nel maggio 2012 viene promosso dirigente superiore della Polizia di stato. Finocchiario viene quindi nominato questore di Crotone e poi di Agrigento a partire dal settembre del 2013.

Da qui il passaggio alla guida della questura di Messina dal prossimo primo luglio. Lo stesso giorno, quello che ormai è il suo predecessore, Giuseppe Cucchiara, assumerà la guida della Direzione Centrale per i Servizi Antidroga. Un incarico di prestigio alla direzione di un organismo interforze composto da personale della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza. Ricca di soddisfazioni e risultati di rilievo l'esperienza di Cucchiara in riva allo Stretto.

La gestione del G7 il fiore all'occhiello durante il quale tutto è filato secondo le previsioni. Ma non meno prestigiose sono state le operazioni condotte in città e la vasta provincia. La Matassa sul presunto voto di scambio e gli intrecci politico mafioso tra il 2012 e il 2013. E la gamma Interferon, contro la mafia dei pascoli nella zona dei Nebrodi culminata con gli arresti di boss e affiliati alle famiglie che gestivano quei territori.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook