Mercoledì, 01 Aprile 2020
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Varato piano contro "Fauna molesta"
MESSINA

Varato piano contro "Fauna molesta"

di
zanzara tigre, Messina, Archivio
Invasione di zanzare tigre anche in Sicilia a Calabria

Di disinfestazione si doveva parlare molti mesi fa in modo che non ci fosse scampo per la temibile zanzara tigre, che poi è quella più temuta per i fastidiosi e pruriginosi ponfi che nei casi più gravi possono portare persino shock anafilattici. Quest'anno di interventi larvicidi, che sono indirizzati ad uccidere le uova e che dovevano essere eseguiti nei mesi invernali non si è invece sentito parlare. La prima riunione ha annunciato lo stesso assessore Jalacqua è stata fatta a maggio, periodo già troppo in là per intervenire preventivamente sulle uova della zanzara tigre. L'assessore Ialacqua è stato chiaro spiegando che senza moneta non si canta messa e che l'unica possibilità è che ognuno ad iniziare dai privati per continuare poi ad Amam, Iacp, Messinambiente e dipartimento Cimiteri e Verde faccia la sua parte. E questo si evince chiaramente da quanto pubblicato nelle ordinanze. Dall'Asp, che collabora al piano di prevenzione, emerge chiara l'indicazione che sarebbe stato opportuno rispettare le tempistiche di procedura stabilite a suo tempo dall'Azienda provinciale e che adesso si potrà solo correre ai ripari. Tra l'altro con pochi soldi e pochi uomini. Si legge infatti nell'ordinanza per la lotta contro la zanzara tigre del 16 maggio, che il dipartimento ambiente e sanità non dispone di un sufficiente numero di addetti per la gestione di tutti i servizi allo stesso assegnati. Su 4 pagine, tre sono dedicate agli ordini e alle disposizioni che poi riguardano tutto ciò che viene richiesto al cittadino o agli enti interessati. C'è anche un'avvertenza che qualora gli organi di vigilanza riscontrino inadempienze verrà applicata una sanzione che va da 25 a 500 euro con l'obbligo di effettuare gli interventi entro 15 giorni dalla notifica dell'accertamento. A questo punto la domanda sorge spontanea. Ma i cittadini che hanno dovuto sopportare tutti i problemi derivanti dalla mancata raccolta dei rifiuti negli ultimi mesi, dal mancato spazzamento e pulizia delle strade, dall'acqua ristagnante nelle fontane e nelle vasche delle ville e delle strade cittadine accoglieranno bene il contenuto di queste ordinanze che riguardano anche le blatte e i topi? Certo è che in questi giorni è cresciuta nelle farmacie e nei supermercati la vendita dei prodotti per prevenire le punture o lenire dopo, i fastidi che ne conseguono.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook