Martedì, 19 Gennaio 2021
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Anno giudiziario, protestano avvocati e magistrati
MESSINA

Anno giudiziario, protestano avvocati e magistrati

anno giudiziario, avvocati, magistrati, messina, protesta, Messina, Archivio
Anno giudiziario, protestano avvocati e magistrati

Clamorosa protesta di avvocati e magistrati in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario per il distretto di Messina. Quando stava per prendere la parola Santi Consolo delegato del Ministero hanno abbandonato l'aula. Al termine dell'intervento di Consolo tutti i togati sono rientrati in aula.

Il presidente della Corte d'appello Michele Galluccio a proposito della annunciata realizzazione del secondo palazzo di giustizia nella città dello Stretto ha detto di essere molto scettico "come san Tommaso" e rivolgendosi al sindaco Renato  Accorinti ha aggiunto: "Vedere per credere".

_______

Ecco la nota diffusa dagli avvocati:

"La decisione del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Messina e della Giunta Distrettuale dell'Associazione Nazionale Magistrati – Sezione di Messina, di abbandonare l'aula per tutta la durata dell'intervento del delegato del Ministro della Giustizia, è il nostro modo per fare arrivare forte e chiaro a Roma il segnale della nostra disapprovazione per il trattamento riservato dal Governo al nostro Distretto giudiziario.
Una disapprovazione che vede uniti avvocati e magistrati a difesa della giurisdizione del proprio territorio e dei suoi abitanti, contro una politica a doppio binario che ha, di fatto, abbandonato i Distretti corrispondenti alle aree più deboli dal punto di vista socio – economico”.
Così il presidente dell’Ordine degli avvocati di Messina, Vincenzo Ciraolo e il presidente della giunta distrettuale dell’ANM, dott.ssa Caterina Mangano.
“Esprimiamo indignazione – dichiara Ciraolo - contro un Governo che, ignorando il parere del CSM di rivedere la proposta riduzione della pianta organica, ha invece disposto il taglio di un posto presso il tribunale di Messina.
Indignazione contro il modo in cui siamo stati accolti a Roma al Ministero della Giustizia, ove ci eravamo recati in veste istituzionale per rilevare l'incongruenza delle disposizioni del Decreto di riorganizzazione delle piante organiche rispetto alle sue stesse premesse e dove è stata messa sotto accusa l’inefficienza della nostra giurisdizione, disconosciuta l'esistenza del fenomeno mafioso a Messina, dimenticando o ignorando, che di recente abbiamo subìto nel nostro Distretto ben due attentati (al sostituto procuratore di Barcellona Pozzo di Gotto, dott.ssa Paiola e al presidente del Parco dei Nebrodi, dott. Antoci), che lo stesso CSM nel parere aveva contestato il taglio in ragione proprio della presenza della criminalità organizzata nel nostro territorio e che alcuni tra i nostri magistrati sono tra i più efficienti d'Italia.
Indignazione infine, contro un costante atteggiamento punitivo che registriamo ai danni della nostra provincia confermato dal fatto che al nostro Distretto sono stati assegnati solo due magistrati ordinari in tirocinio, un numero evidentemente inadeguato soprattutto se messo a confronto con le assegnazioni predisposte a favore di altri Distretti come Catanzaro (38); Reggio Calabria e Venezia (30); Palermo, Brescia e Bologna (22).
Non possiamo non rilevare un ingiustificato e palese accanimento nei confronti del Distretto di Messina e - visto il contestuale rafforzamento dell'organico dei magistrati di Catania, Palermo e Reggio Calabria - ribadiamo il sospetto che quanto sta avvenendo abbia come fine ultimo e surrettizio quello di mettere in discussione la stessa sopravvivenza della nostra Corte d'appello.
La cerimonia di inaugurazione dell'anno giudiziario non può e non deve essere una cerimonia intrisa di inutili formalismi. Abbiamo il dovere di dare risposte alle istanze di giustizia che provengono dai cittadini del nostro territorio e ogni giorno di più siamo privati degli strumenti per farlo.
Non siamo più disposti a prestare il fianco a sterili passerelle di qualsivoglia Governo".

__________________

La lungaggine dei processi e la prescrizione dei reati, la carenza di magistrati, di personale di cancelleria e, per finire, l'annosa vicenda del secondo palazzo di giustizia. Sono i temi della relazione del Presidente della Corte d'appello, Michele Galluccio, in occasione dell'inaugurazione dell'anno giudiziario per il distretto di Messina . Una relazione che il presidente Galluccio vorrebbe fosse considerata non un rito "solenne" e "ripetitivo" quindi "inutile", ma "l'occasione per un momento di riflessione e di dialogo sui temi della giustizia in generale". Il problema e' dunque la lentezza dei procedimenti nonostante "i magistrati italiani - afferma Galluccio - spesso accusati di scarsa laboriosita', sono invece ai primi posti, quanto a numero di procedimenti definiti, sia nel settore penale che in quello civile". Gli sforzi per "eliminare il pesante fardello di migliaia di cause arretrate - prosegue - rischiano di essere vani, se non sono accompagnati da una presa di consapevolezza, da parte del Legislatore, che il nodo fondamentale e' quello di scoraggiare, in maniera drastica, l'accesso del contenzioso incentivando, al massimo, forme di mediazione/conciliazione per le minimali vicende civilistiche e sottraendo all'area dell'intervento penale le materie di scarsa rilevanza". Connesso alla lungaggine dei processi, c'e' il problema della prescrizione dei reati: "In queste condizioni e di fronte alla palese ingiustizia per i cittadini" e' necessario un intervento legislativo "che riformi i relativi termini, che ne blocchi il decorso, se non al momento del promovimento dell'azione penale o a quello del rinvio a giudizio, quanto meno con la sentenza di primo grado, che rappresenta la manifestazione dello Stato di volere esercitare la sua potesta' punitiva". La strada da percorrere per il presidente Galluccio "e' quella di una consistente depenalizzazione", invertendo la tendenza di far confluire nell'area penale fatti di rilievo marginale e allarme minimo ma di notevole impatto sulle strutture giudiziarie. Per quanto riguarda il funzionamento della giustizia nel distretto di Messina il richiamo e' alle piante organiche "inspiegabilmente oggetto di riduzione" (di 5 posti nel distretto, due nel settore giudicante e tre nel settore requirente), nel decreto ministeriale di revisione. "Il pesante arretrato - prosegue la relazione - rappresenta il vero problema della giustizia nel distretto e al di la di sterili distinguo sul piano nominalistico, compromette il diritto dei cittadini di questa lontana "provincia" di avere, come quelli del nord e del nord-est - per un elementare principio di uguaglianza - risposta, in termini ragionevoli, alle loro istanze di giustizia". Una situazione di crisi aggravata anche dai vuoti di organico del personale di cancelleria, "al cui fabbisogno si sopperisce con acquisizione di personale proveniente da altre amministrazioni" mentre alla carenza di magistrati si e' cercato di rimediare " facendo appello alla magistratura onoraria, gravata di ruoli monocratici civili e penali". Pochi i dati positivi come l'informatizzazione del processo civile e l'attivazione della convenzione per il tirocinio formativo dei giovani laureati negli uffici giudiziari del tribunale di Messina e della Corte d'Appello, con la scuola di specializzazione per le professioni legali dell'Universita' di Messina e gli stages. Anche per quest'anno, prosegue Galluccio nella sua relazione, il nodo del nuovo palazzo di giustizia non e' stato sciolto: "L'edilizia giudiziaria della citta' di Messina soffre, da lungo tempo, una situazione di estrema criticita' per la mancanza di locali". Mancano aule, stanze per i magistrati ed il personale ed archivi , il presidente evidenzia anche "la degradante condizione in cui tanti lavoratori sono costretti a lavorare ed in particolare la situazione dei locali dell'ufficio Gip-Gup, i problemi della sede della Sezione Lavoro del Tribunale e dell'Ufficio del Giudice di Pace". Infine con "crescente amarezza" il presidente Galluccio torna a parlare della "mancata utilizzazione, da parte del Comune di Messina, da oltre 20 anni, dei fondi (17 milioni di euro) per la realizzazione del secondo palazzo di giustizia, mentre ogni anno si spende circa un milione e mezzo di euro per pagare canoni di affitto, in alcuni casi per immobili non idonei all'uso". Nonostante l'amministrazione comunale ha prospettato la possibilita' dell'utilizzo delle aree dell'ospedale militare con profonda delusione constata che "non e' dato riscontrare, allo stato, nessun atto concreto in tal senso, non vi e' traccia di alcuna formale e chiara assunzione di impegni, sia sulla concreta possibilita' della cessione delle aree da parte del ministero della Difesa, che sui tempi in cui, eventualmente, tale cessione potrebbe essere, di fatto, realizzata".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook