Mercoledì, 26 Settembre 2018
MESSINA

«Sul Ponte Renato Accorinti non rappresenta Messina»

accorinti, ponte sullo stretto, Messina, Sicilia, Archivio
«Sul Ponte Renato Accorinti non rappresenta Messina»

Tante componenti cittadine, un’unica levata di scudi: «Sul Ponte Accorinti non rappresenta Messina». Lo affermano, in un documento che annuncia la convocazione di una conferenza stampa per domani mattina (alle 10, a Palazzo dei leoni), la Rete civica per le infrastrutture nel Mezzogiorno, sindacati come la Cisl e la Uil, l’Associazione costruttori, la Confcommercio, gli Ordini di architetti, ingegneri, avvocati, commercialisti, geologi, le Acli, il movimento Reset, Cittadinanzattiva, Confartigianato, Confesercenti, le associazioni “Mondonuovo” e “Riabilitiamo Messina”. «Nei prossimi mesi si deciderà il futuro delle Città metropolitane che fanno capo a Messina e Reggio Calabria – si legge nel documento – se agli annunci del presidente del Consiglio Renzi seguiranno i fatti, nulla sarà più come prima. Si aprirà una fase durante la quale dovranno essere compiute scelte che muteranno dalle fondamenta la struttura economica, sociale e culturale dell’Area dello Stretto, della Sicilia e della Calabria. Di fronte a questi cambiamenti epocali non è più tempo di “No senza se e senza ma” e di piagnistei mirati alla concessione di esigue risorse sganciate da ogni visione di insieme.

Oggi è necessaria una leale collaborazione dalla quale i cittadini messinesi e reggini possano trarre i maggiori benefici possibili. Occupazione in primo luogo, ma non solo. Vi sono anche altri aspetti sociali, economici, ambientali e culturali, che richiedono una tale molteplicità di competenze, capacità di collaborazione e di mediazione impossibili da ritrovare in chi della lotta contro il Ponte ha fatto una ragione di vita e a essa deve le sue fortune politiche. Le folkloristiche partecipazioni a talk show televisivi – è l’affondo rivolto ad Accorinti – finiscono per dare un’immagine distorta di una città che è ormai in fondo a tutte le classifiche sulla qualità della vita. Constatiamo che, ancora una volta, l’eterna lotta contro il Ponte del sindaco peloritano viene palesemente strumentalizzata per stornare preziose risorse a favore di altre realtà geografiche. Le ingenti risorse economiche necessarie alla realizzazione del Ponte e delle infrastrutture autostradali e ferroviarie connesse, se non vengono investite sul nostro territorio saranno spese non per le scuole e per la sicurezza di Messina, Villa e Reggio, ma semplicemente in altre opere pubbliche al Centro e al Nord come già accaduto nel 2012 quando le somme del Ponte furono stornate per l’Alta Velocità Genova-Milano. Messina e la Sicilia, Reggio e la Calabria non possono più consentire che siano condotte sulla pelle dei loro cittadini guerre ideologiche finalizzate a placare ossessioni pseudo ambientaliste».(l.d.)

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X