Lunedì, 25 Marzo 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Zona falcata,
adesso la bonifica

di
patto per la falce, Messina, Sicilia, Archivio
Zona falcata, adesso la bonifica

Messina ha voltato pagina sulla Zona falcata: almeno questa è la speranza di una città intera. Al di là delle polemiche, il dato più importante, sancito alla presenza del governatore Crocetta, dei due assessori regionali alla Cultura e all’Ambiente, Vermiglio e Croce, e del Consiglio comunale, resta il fatto che l’intesa firmata tra il sindaco Renato Accorinti e il presidente dell’Authority, Nino De Simone, l’«Accordo tra il Comune e l’Autorità portuale ai sensi dell’articolo 2 del “Patto per Falce», apre la via ai percorsi di bonifica e riqualificazione. Al Comune e all’Authority va riconosciuto il merito di aver fissato una piattaforma condivisibile incentrata su Cultura e Ambiente per il versante esterno della Zona falcata. All’Università il merito di avere esercitato un ruolo catalizzatore e super partes. Riavviando un dialogo che pareva impossibile e che ha prodotto frutti.

L’intesa per il Parco storico-naturalistico della Real Cittadella riguarda, ricordiamo, una porzione della Falce, ovvero il tratto di costa tra la Real Cittadella spagnola e la Lanterna rinascimentale del Montorsoli. L’intesa sulla “bassa edificazione” ha gettato le basi per progettare e finanziare le bonifiche di quelle aree che negli ultimi 40 anni sono state sottoposte dapprima al massacro ambientale dell’industria pesante, poi alla desertificazione dei fallimenti e sempre agli appetiti di chi avrebbe preferito lasciarle “morte” e attendere il momento buono per farne un uso improprio. Ma c’è un’altra ragione che rende l’Accordo firmato ieri prezioso. Ripristinando e potenziando con scadenze certe, la collaborazione delle Istituzioni (Stato-Regione-Comune) consente lo scongelamento, dopo oltre 7 anni di paralisi, dell’iter per l’approvazione del nuovo Piano regolatore del porto di Messina, su tutte le aree demaniali, compresi gli approdi e il costruendo porto di Tremestieri, oltre che la totalità della Falce. Chi non comprende lo scandalo della “Città dello Stretto” inchiodata a un Piano del porto del 1955? Un Piano coevo all’idea del “Punto franco di Messina”, di cui fino a ieri si parlava ancora come di cosa possibile in quest’esigua striscia di Falce. Da ieri, invece, l’Accordo sui vincoli urbanistici, ovvero sulla dimensione – in metri cubi e quadri – delle strutture connesse al Parco, spalanca la via alla collaborazione per raggiungere, tutti insieme, il primo traguardo: le bonifiche. Ieri l’assessore regionale all’Ambiente, Maurizio Croce, ha sottolineato alcuni dati salienti: potrebbero bastare 3 anni per disinquinare l’ex Degassifica, l’ex Eurobunker e la Real Cittadella, al costo di una ventina di milioni. Il governatore Crocetta ha comunque più volte assicurato di volerne mettere 30 di milioni per la Falce; ed il presidente dell’Authority De Simone ha sempre detto che l’ente da lui diretto, finché avrà l’attuale bilancio, farà anch’esso la sua parte. E considerati i 30 milioni d’attivo non vincolato, deve fare molto.

Ma il fondamentale ruolo di coordinamento tecnico, d’intesa con il Comune e l’Authority, è stato attribuito, dal Patto del 26 gennaio, all’Università: «Col preciso compito – si legge – di sostenere e promuovere l’attuazione del Prp con riferimento alle zone individuate». Le competenze tecnico-scientifiche di alcune Facoltà e il prestigio storico dell’Ateneo saranno l’arma in più per celeri progetti di bonifica. E ora c’è grande attesa.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook