Sabato, 19 Ottobre 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Rada S.Francesco, chiesto rinvio a giudizio per Caronte & Tourist

di
caronte & tourist, Messina, Archivio
vestfold

Dovranno presentarsi tutti nell'udienza preliminare del prossimo 5 novembre, davanti al gip Vermiglio. Il sostituto procuratore della DDA Liliana Todaro ha chiesto il rinvio a giudizio per le sei persone indagate nell'inchiesta sulla regolarità della gara d'appalto per la gestione della rada San Francesco espletata nel 2013. Si tratta dei vertici societari della Caronte Tourist e della Salerno Container Terminal spa. Davanti al gip dovranno presentarsi l'armatore di Caronte Tourist Vincenzo Franza, la madre Olga Mondello, l'amministratore delegato Antonio Repaci, e i componenti del consiglio d'amministrazione della Salerno container terminal, Agostino, Vincenzo ed Enrico Gallozzi.

L'ipotesi di reato per tutti è di turbativa d'asta e portò nel maggio scorso il gip Salvatore Mastroeni a firmare una misura cautelare dell'interdizione per 12 mesi dall'attività d'impresa, limitata solo all'espletamento di gare pubbliche in provincia di messina per i vertici delle due compagnie. Interdittiva poi revocata a giugno dallo stesso giudice il quale specificò nel provvedimento specificò che tuttavia permaneva il quadro indiziario prospettato dalla Procura.

L'indagine sul traghettamento nello Stretto nasce dal presupposto che Caronte Tourist e Salerno Container Terminal parteciparono da concorrenti all’asta bandita dall’Autorità portuale per aggiudicarsi la gestione della rada S. Francesco. Per la procura di Messina però le due posizioni imprenditoriali, apparentemente separate sul piano societario, sarebbero in sostanza riconducibili ad un unico centro decisionale in quanto Caronte Tourist deterrebbe una partecipazione azionaria della società campana. Accuse sempre respinte dal Gruppo Franza che ha ricordato come in passato le numerose iniziative tese a dimostrare l’esistenza di abuso di posizione dominante da parte di “Caronte&Tourist” si sono concluse con un proscioglimento pieno. Una battaglia legale che avrà come primo ring l'aula delle udienze preliminari.    

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook