Venerdì, 21 Settembre 2018
MESSINA

Torre Faro, scatta
il nuovo piano
dei parcheggi

di

Chi fino ad oggi era solito portare l’auto quasi sotto l’ombrellone, sappia che da domani non sarà più possibile. Proprio per liberare uno dei posti più belli al mondo dalla morsa d’acciaio che per tutta l’estate l’attanaglia, l’amministrazione comunale ha tirato fuori un vecchio progetto che finalmente è arrivato il momento di attuare. E vuol farlo nel momento in cui si rende disponibile un’area da circa 400 posti auto; è possibile utilizzare un discreto numero di bus navetta e impiegare un piccolo esercito di ausiliari del traffico che proprio da oggi sono abilitati a sanzionare le infrazioni. E così domattina scatta il piano che l’assessore Cacciola stamani ha illustrato alla stampa, alla presenza del sindaco e insieme con il comandante della Polizia Municipale Ferlisi e il direttore generale dell’Atm Foti. Per accedere al parcheggio delle Torri Morandi, chi proviene dalla città dovrà dirigersi attraverso la strada che dall’istituto Marino porta a Torre Faro. Lasciata qui l’auto, i conducenti e tutti i passeggeri potranno usufruire del trasporto sulle navette al costo complessivo di due euro per l’intera giornata. Dalla grande area che dista circa 600 metri dalla spiaggia ci si può arrivare ovviamente anche a piedi. Nei pressi dei lidi più frequentati restano gli stalli blu dove è possibile parcheggiare al costo di due euro l’ora, ma gran parte degli stalli, l’amministrazione dovrà riservarli ai residenti  che possono richiedere i pass, due per abitazione, nella sede del sesto quartiere. Un’area per la sosta libera dei mezzi a due ruote è prevista, invece, nelle adiacenze dell’Horcinus Horca. Imponenti i controlli che scatteranno sempre domani e continuativi dalle 9.30 alle 24. Nelle ore diurne due pattuglie degli ausiliari del traffico, una dalle 21 in poi. Alla polizia municipale il compito di vigilare nel tratto tra capo Peloro e la Risacca dei due mari. La polizia municipale presidierà i varchi principali, a ridosso della chiesa di Torre Faro e del bivio di Mortelle. Con una ditta privata, è stato raggiunto un accordo per la presenza di un carro attrezzi per i prossimi due mesi che sia in gradi di intervenire nel giro di una decina di minuti laddove ce ne fosse il bisogno. A guardare con interesse a questo nuovo piano la Federbalneari che attende le prime verifiche sul campo. Da uno studio dei flussi, di auto e passeggeri, effettuato già nella prima settimana di luglio,  emerge la necessità di aumentare il numero delle navette che fanno la spola con il parcheggio. Soprattutto tra le 12 e le 15 nei giorni feriali, e dalle 22 in poi nei fine settimane. Su questi dati sta ragionando l’Atm che punta a recuperare altri tre minibus da utilizzare per questo servizio. Si parte intanto  con i due dotati di aria condizionata, ma presto il numero potrebbe salire. La collaborazione e il senso civico degli utenti, ovviamente, alla base della buona riuscita del piano.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X