Lunedì, 08 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Chiede arretrati, l'azienda lo licenzia
MESSINA

Chiede arretrati,
l'azienda lo licenzia

13 luglio ’15 – Ha chiesto chiarimenti all’azienda sul mancato pagamento degli stipendi negli ultimi quattro mesi. Si è visto rispondere con una contestazione disciplinare e con il licenziamento. L’episodio è avvenuto la scorsa settimana a un lavoratore della Master, azienda con sede in via Croce Rossa che produce attrezzature e mobili per grandi cucine industriali. I dipendenti, 13 in totale, lamentano il mancato pagamento di quattro mensilità arretrate e questa mattina hanno deciso di scioperare, con il sostegno della Fim Cisl, per  chiedere il reintegro del lavoratore licenziato e la corresponsione degli stipendi. “Non può configurarsi la contestazione disciplinare – spiega il segretario provinciale della Fim Cisl, Antonino Alibrandi - quando si chiede un diritto, quello del pagamento dello stipendio. Il paradosso, però, è che l’azienda risulta in piena attività, tanto da aver assunto personale a tempo determinato. Purtroppo, però, ci si trincera sempre dietro l’alibi della crisi e della mancanza di credito delle banche”. La Fim Cisl e la delegazione dei lavoratori in protesta hanno già chiesto un incontro all’azienda per discutere della vertenza in atto. 

 

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook