Domenica, 23 Settembre 2018
MESSINA

Intermarine, sit-in
dei lavoratori

di
intermarine, Messina, Archivio

Tenere, vendere o chiudere. E’ quanto vogliono sapere i 65 lavoratori della Intermarine, lo stabilimento del gruppo Colaninno che ha rilevato diversi anni fa l’azienda messinese ma che purtroppo non ne ha risollevato le sorti. Un’ambiguità che non fa bene a chi ogni giorno tira per portare uno stipendio a casa senza sapere se il prossimo ci sarà. Nessun rilancio del cantiere, nessuna nuova commessa, nessun nuovo piano industriale per lo stabilimento messinese che realizza prodotti in alluminio. Niente a che vedere con il cantiere affiliato di Sarzana a la Spezia legato invece alla progettazione e alla costruzione di sofisticate navi per le marine militari appositamente attrezzate per la ricerca e il disinnesco delle mine navali e che invece va a gonfie vele. Davanti alle voci insistenti di una cessione dell’azienda messinese e al licenziamento di 31 lavoratori dei 65 attualmente dipendenti si paventano scenari neri per il rilancio della cantieristica navale. Anni di cassa integrazione, fissa per 15 lavoratori, a rotazione per gli altri 50, si concluderanno ad agosto quando non saranno più consentite altre proroghe. Si prospetta dunque la mobilità per 31 di loro. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X