Venerdì, 18 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Revocata l’interdittiva alla “Caronte&Tourist”

 «Gli elementi forniti, con corretto comportamento processuale, impongono la revoca della misura». È forse questo il “cuore” del provvedimento con cui il gip Salvatore Mastroeni ieri mattina ha revocato la misura interdittiva applicata due settimane addietro ai vertici societari della “Caronte&Tourist” di Messina e della “Salerno Container Terminal” di Salerno, ovvero i gruppi Franza e Gallozzi, in relazione all’ipotesi di turbativa d’asta per la gara della rada San Francesco del 2013. Una misura decisa a suo tempo su richiesta del sostituto procuratore Liliana Todaro, che da ieri però ha cessato i suoi effetti visto il provvedimento esitato dal magistrato. Tecnicamente si tratta della misura cautelare dell’i n t e r d izione per 12 mesi dall’attività d’impresa, limitata solo all’espletamento di gare pubbliche in provincia di Messina, per i vertici societari della Caronte&Toursit Spa e della Salerno Container Terminal Spa. L’i p otesi d’accusa era di turbativa d’asta in relazione alla gara per la gestione della rada S. Francesco bandita dall’Autorità portuale nel 2013. Ma è un’ipotesi che evidentemente non ha retto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X