Venerdì, 18 Gennaio 2019
stampa
Dimensione testo
MESSINA

Caso Boccetta, il pm chiede 5 condanne

 Cinque condanne per i costruttori, i tecnici “privati” e il funzionario pubblico della Provincia Per quella rampa del viadotto Boccetta che nel 2008 fu seriamente danneggiata e portò anche al sequestro dell’intera struttura Ecco il giorno dell’accusa ieri mattina davanti alla seconda sezione penale del tribunale presieduta dal giudice Mario Samperi, con la requisitoria del pm Diego Capece Minutolo, che ha ricostruito per la Procura una delle più clamorose vicende degli ultimi anni a Messina Le richieste di pena del pm Capece Minutolo sono state graduate su due fronti rispetto al quadro di accuse iniziali contestate, anche rispetto ad una differenziazione delle responsabilità nella vicenda, secondo la Procura Il magistrato ha richiesto la condanna a 5 anni di reclusione per il funzionario della Provincia, e ingegnere, Benedetto Sidoti Pinto, e per gli ingegneri Antonio Teramo e Giuseppe Termini, quest’ultimo progettista e direttore dei lavori del cantiere; a 3 anni di reclusione per i costruttori Vincenzo Vinciullo e Antonino Mangraviti, in qualità di titolari della “Archimede srl” Ha poi sollecitato la dichiarazione di prescrizione per il capo d’imputazione n 3, legato alle presunte violazioni in relazione ai profili di sismicità della struttura La prossima

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X