Mercoledì, 10 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Archivio

Home Archivio Al Vittorio Emanuele la prima di Comme un souvenir
MESSINA

Al Vittorio Emanuele
la prima di
Comme un souvenir

di

Venerdì in prima assoluta Comme un souvenir, ripensando a Parigie a quello che ha rappresentato nel XX secolo, quale ineludibile punto di riferimento della cultura europea novecentesca; a settembre, Physis, su musiche di Beethoven e  Stravinskij; a gennaio, poi, un omaggio a Maria Callas, voce e personaggio dal fascino unico e irripetibile.

E, alla fine della prossima stagione, nel maggio del 2016, quale ulteriore chicca, l’attesa regia della “Carmen” di Bizet.

Comincia a delinearsi nelle sue differenti forme, e nei suoi diversi momenti, la collaborazione di Micha van Hoecke con il Teatro di Messina, presentata lo scorso dicembre; una collaborazione di grande prestigio - per l’ente e, più in generale, per la nostra città - con uno dei più grandi coreografi e registi del panorama mondiale, che potrebbe porre Messina tra le capitali della danza.

Un progetto biennale, quello che lega il maestro belga alla città dello Stretto, nella quale a partire da febbraio ha tenuto un laboratorio che avrà in Comme un souvenir l’epilogo, il momento finale.

Sarà l’occasione, dunque, per poter ammirare l’ensemble - denominato “Poiesis” – che vi si è formato e che sarà arricchito, nella circostanza, da artisti ospiti come Marta Capaccioli, Rimi Cerloj e Yuri Mastrangeli; con la partecipazione straordinaria di Denis Ganio, tra i più raffinati ballerini degli ultimi decenni, già a lungo protagonista del Balletto di Marsiglia di Roland Petit.

Nel cast trovano posto anche il direttore artistico della Musica dell’ente peloritano, Giovanni Renzo (al pianoforte) e la cantante e attrice messinese Adele Tirante.

I costumi sono del Teatro di Messina, con la collaborazione della stilista catanese Marella Ferrera; le scene di Mariella Bellantone.

Sulle note di Satie e dei più celebri chansonnier d’Oltralpe (da Brel a Trenet, solo per citare due esempi), dunque, van Hoecke - che nella capitale francese giunse con i genitori quando aveva appena dieci anni - intende proporci un viaggio immaginario nella Parigi del secolo scorso, sull’onda e sulla spinta di suggestioni e di ricordi.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook