Giovedì, 20 Settembre 2018
MESSINA

Gestione rada
Difesa dei Franza
e ricorso al TdR

Si sono difesi respingendo le accuse contestate dalla Procura di Messina, Olga e Vincenzo Franza, indagati, con l’ipotesi di reato di turbativa d’asta, nell’inchiesta sulla regolarità della gara  per la gestione della rada San Francesco. I due hanno risposto alle domande del GIP Salvatore Mastroeni alla presenza dell sostituto della DDA Liliana Todaro.

I vertici di Caronte –Tourist, assistiti dall’avvocato Alberto Gullino, hanno consegnato un’ampia documentazione per dimostrare sia la regolarità delle procedure che sono state adottate in occasione della gara d’appalto che della compartecipazione della Salerno Container. Quest’ultima rappresenta proprio il nodo dell’inchiesta poiché l’impresa, così come la Caronte Tourist, ha partecipato alla gara per la concessione della rada San Francesco nonostante questa compartecipazione. A presentare l’esposto all’autorità giudiziaria erano stati i fratelli Catalani che con una terza impresa avevano partecipato alla gara perdendola.

Al termine dell’interrogatorio, durato circa due ore l’avvocato Gullino ha preannunciato ricorso al tribunale del Riesame contro il divieto per un anno di partecipare alle gare pubbliche indette in provincia di Messina imposto alla Caronte Tourist. 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook