Mercoledì, 19 Settembre 2018
MESSINA

L’ultimo viaggio della nave traghetto Iginia

iginia, Messina, Archivio

 Un altro pezzo storico ha recentemente abbandonato lo Stretto, la nave Iginia. La traghetto è partita lo scorso 13 maggio trainata dal rimorchiatore “Europe”, direzione Izmir, in Turchia. Il mezzo di Bluvia, divisione Rfi, è stato ceduto per demolizione. Lunga la storia della nave più anziana della flotta Fs, gemella delle navi Sibari e Rosalia, entrambe già alienate (2009 e 2012): costruita nel 1969 ai Cantieri Navali del Tirreno e Riuniti di Ancona, varata il 18 febbraio del 1969, è entrata in servizio tra Sicilia e Calabria addirittura nel lontano 1 ottobre del 1969, quasi 46 anni fa. Scaduti i certificati indispensabili per la navigazione, dopo ben 42 anni di servizio, la nave era stata posta in riserva dal 30 marzo 2012, ma rientrò in attività nel mese di maggio dello stesso anno, dopo ulteriori lavori in bacino che ne prolungarono le capacità operative. Nell'ultimo periodo era stata utilizzata come nave di riserva. Dopo aver effettuato l'ultima corsa fra Messina e Villa San Giovanni il 23 dicembre 2013, la nave è stata definitivamente posta fuori servizio a partire dal 1º gennaio 2014. Lunga 141.52 metri e larga 18.40 metri, era adibita al trasporto di passeggeri, automezzi e treni. Il ponte principale della nave ha 4 binari per un totale di 378 metri lineari per il trasporto di 16 vagoni ferroviari, mentre il ponte superiore è totalmente destinato al trasporto di autovetture. (ema.rig.)

© Riproduzione riservata

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook